Momento storico: raggiunto l’accordo sul nucleare Iran

Esteri

Momento storico: raggiunto l’accordo sul nucleare Iran

Quella di ieri è stata una giornata storica, perché rappresenta un punto di svolta nelle relazioni internazionali.

Dopo mesi di trattative, è stato ufficializzato il raggiungimento dell’accordo sul nucleare Iran.

Teheran potrà continuare a sviluppare il suo programma per l’energia atomica ad esclusivo uso pacifico (non comprensivo di armi nucleari), mentre gli ispettori della comunità internazionale avranno libero accesso a tutti i siti e laboratori di ricerca e realizzazione presenti in Iran.

L’annuncio è stato dato dall’alto commissario per gli affari esteri Federica Mogherini, che ha avuto il privilegio di aprire la seduta plenaria di Vienna.

“L’accordo è formalmente concluso” ha annunciato la Mogherini, “si apre un nuovo capitolo nelle relazioni internazionali. E’ il risultato di un lavoro molto duro di tutti noi, ringrazio tutti coloro che siedono a questo tavolo e anche chi sta dietro e ha lavorato per mesi e anni per raggiungere questo punto. Un segnale di speranza lanciato al mondo”.

Il ministro degli esteri di Teheran Mohammad Javad Zarif ha commentato definendo “storico” il momento, pur a fronte di un accordo ritenuto “non perfetto”.

Anche il Presidente USA Barack Obama è intervenuto dichiarando che “Grazie all’accordo, la comunità internazionale potrà verificare che l’Iran non sviluppi l’arma atomica.

Teheran sarà privata del 98 per cento delle sue attuali riserve di uranio arricchito. E’ un accordo che non si basa sulla fiducia ma sulla verifica. Se l’Iran violerà l’accordo tutte le sanzioni saranno ripristinate e ci saranno serie conseguenze. Nessun accordo avrebbe significato nessun limite al programma nucleare iraniano. Gli Stati Uniti manterranno le sanzioni contro l’Iran collegate alla violazione dei diritti umani”.

A partire dal 1° gennaio del prossimo anno cadranno tutte le sanzioni a carico dell’Iran, pronte però per un rapido ripristino (65 giorni) nel caso in cui gli ispettori dovessero accertare violazioni agli accordi ufficiali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche