Mon Cicci, i teneri bambolotti degli anni 80

Infanzia

Mon Cicci, i teneri bambolotti degli anni 80

Mon Cicci, i teneri bambolotti degli anni 80
Mon Cicci, i teneri bambolotti degli anni 80

Chi ha vissuto negli anni 80, sicuramente se li ricorderà. Stiamo parlando dei Mon Cicci, i teneri bambolotti a forma di scimpanzè.

I Mon Cicci sono delle bambole che hanno ispirato dei cartoni animati, di cui due di origine giapponese e uno americano. In Italiano sono stati tradotti con il termine tutto attaccato MonCiccì per quanto riguarda i cartoni animati.

Sono bambole di origine nipponica della casa di produzione Sekiguchi Corporation, che ha la sede nella capitale nipponica. Sono stati creati nel 1974 da Sekiguchi che li ha creati come forma di rispetto e protezione nei confronti dei bambini giapponesi. Ebbero un grande successo, anche grazie alla serie televisiva che li fece conoscere ancora di più.

Dal Giappone, nel 1975 giunsero anche in Germania e in Australia, fino ad arrivare poi in Europa, in Inghilterra con il nome Chicaboo, in Francia si chiamarono Kiki e in Italia Mon Cicci, mentre in spagnolo furono chiamati Virkiki.

In Giappone, il paese in cui sono stati creati, hanno dato vita a un anime per un totale di 130 episodi della durata di 6 minuti che racconta le loro avventure e il loro mondo.

Dopo quella nipponica, ci furono le serie americane e italiane, trasmesse verso la fine degli anni 80. La serie racconta le loro avventure, la loro vita. Sono bambole vintage di vario tipo: dalla versione pirata a quella bambino con il dito nella bocca. Insomma, tenere bambole da coccolare e amare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche