MONITORAGGIO DELLE GARANZIE STATALI Norme attuative COMMENTA  

MONITORAGGIO DELLE GARANZIE STATALI Norme attuative COMMENTA  

Il Mef è tenuto a presentare alla Commissione europea entro tre mesi dal rilascio della garanzia una relazione (viability review) per ciascuna banca beneficiaria nel caso in cui il totale delle passività
garantite ecceda sia il 5% delle passività totali della banca sia l’ammontare di 500 milioni di
euro. La relazione del Mef, redatta sulla base degli elementi forniti dalla Banca d’Italia, ha a oggetto
la solidità e la capacita di raccolta della banca interessata e deve essere redatta in conformità
dei criteri stabiliti dalla Commissione nella Comunicazione 19 agosto 2009. Lo stesso Mef, sulla base degli elementi forniti dalla Banca d’Italia, e tenuto altresì a comunicare alla Commissione europea, entro tre
mesi successivi a ciascuna emissione di strumenti garantiti dallo Stato, l’ammontare della commissione
effettivamente applicata con riferimento a ciascuna emissione. E demandato al Mef, sentita la
Banca d’Italia, il compito di stabilire eventuali ulteriori criteri, condizioni e modalità di attuazione
delle previsioni mediante l’emanazione di decreti di natura non regolamentare. Per fronteggiare la grave crisi di liquidita (emergency liquidity assistance) e inoltre prevista la possibilità per il MEF di rilasciare,
fino al 30 giugno 2012, la garanzia statale su finanziamenti erogati discrezionalmente dalla
Banca d’Italia alle banche italiane e alle succursali di banche estere in Italia. Per il rilascio anche di questa garanzia dovranno essere seguite le medesime modalità sopra descritte.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*