Monta sul WEB la protesta contro Golden Lady COMMENTA  

Monta sul WEB la protesta contro Golden Lady COMMENTA  

La decisione presa unilateralmente dalla Golden Lady, di procedere al licenziamento collettivo dei 239  dipendenti della Omsa di Faenza al termine della cassa integrazione straordinaria fissata a metà marzo, rischia di rivelarsi un vero e proprio boomerang per l’azienda di Nerino Grassi.

Che, forse, non aveva preventivato la protesta che sta montando sul WEB in queste ore. Già a poche ore dall’arrivo del fax che annunciava la decisione, le lavoratrici della Omsa avevano chiesto solidarietà alle donne italiane proponendo di non comprare più prodotti dei marchi collegati a Golden Lady e la prima risposta, è stata appunto quello proveniente dal composito mondo dei social network, che non si è fatto pregare per aderire all’appello.

Il quale, ha deciso di far propria la rabbia espressa dai sindacati per il comportamento arrogante dell’azienda  con il varo di un evento pubblico su Facebook, in programma il 31 gennaio dalle 19 alle 22 e intitolato “Mai più Omsa”. La pagina creata da Massimo Malerba, che rilancia il ‘Mai più Omsa’ anche su “Il Post viola”, blog ufficiale del Popolo Viola, è attiva da un paio di giorni e ha già raccolto oltre 20 mila partecipanti al boicottaggio.

Da notare che il ritmo di crescita è rapidissimo, con più di dieci adesioni al minuto e rischia di diventare una valanga non preventivata dalla Golden Lady, se solo si pensa alla pubblicità negativa che tutto ciò sta riverberando sull’azienda.

L'articolo prosegue subito dopo

Ricordiamo che chiunque clicchi su Facebook il bottone “parteciperò” nella pagina in questione, si impegna a non acquistare prodotti Omsa e Golden Lady e a invitare amici e parenti a fare altrettanto, oltre a invitare almeno 10 amici a quest’evento. Che sia nata una forma di solidarietà efficace almeno quanto gli scioperi?

Operaie della Omsa di Faenza
Operaie della Omsa di Faenza

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*