Il monte Roraima: l’isola tra le nuvole e le misteriose creature che vi abitano

Viaggi

Il monte Roraima: l’isola tra le nuvole e le misteriose creature che vi abitano

Roraime

Il Monte Roraime fa parte dei Tepuis, catena montuosa antichissima al confine tra Venezuela, Brasile e Guyana. Questi altopiani erosi dal vento nei secoli somigliano ad una passeggiata in mezzo alle nuvole.

In America Latina, al confine tra Venezuela, Brasile e Guyana si trova il Parco Nazionale Canaima. All’interno di questo parco si trovano le Tepuis. Le Tepuis sono le montagne più antiche del mondo e quella di Roraime è la più alta e sorprendente dell’intera conformazione.

Roraime

Ma perché si pensa che queste alture possano ancora essere abitata da creature ormai estinte?

Proprio dove si incontrano questi tre stati si trovano alcune conformazioni rocciose risalenti al periodo Precambriano. Si pensa che addirittura queste montagne fossero già là quando ancora America e Africa erano unite. Le Tepuis sono delle alte montagne, ma senza una cima. Si tratta di altopiani che terminano in pianura. Dei monoliti rocciosi pianeggianti ricoperti da una fitta foresta tropicale.

Clima e flora e fauna

Dall’alto queste splendide montagne sembrano delle isole che galleggiano in mezzo al cielo. Costantemente avvolte dalla nebbia arrivare sulle loro sommità fa pensare ad una passeggiata fra le nuvole.

Il clima è tropicale e le piogge sono costanti. L’isolamento di queste alture e la loro inaccessibilità ha fatto si che al loro di sopra si costituissero una flora e una fauna endemiche. Molte delle specie animali e vegetali che troviamo sopra questi monti non si possono incontrare da nessun’altra parte del mondo. Splendide orchidee, bromeliacee e numerose specie di piante carnivore. Per quanto riguarda la flora tantissimi uccelli fra cui il pappagallino dei Tepuis, specie presente solo su queste alture. Alcune razze di mammiferi, insetti, rettili e anfibi. Tra questi ultimi la particolarissima rana nera che invece di saltare rotola per sfuggire ai suoi predatori.

Roraime

La leggenda dei dinosauri

La bellezza misteriosa di questi altopiani colpisce tutti i suoi esploratori. Agli inizi del ‘900 anche lo scrittore Conan Doyle rimase ipnotizzato dall’unicità di questi luoghi. Dal suo viaggio nacque il libro “Il mondo perduto”. Nel libro si racconta la storia di un gruppo di esploratori che scalarono il monte Roraima e arrivati sulla sua vetta vi trovarono dinosauri ed altre specie di animali che si credevano estinte.

Molte persone credono che questi animali siano ancora vivi su questa montagna.

Conformazione e leggende sui Tepuis

Ogni altopiano ha la sua peculiarità. Gli indios Pemòn, la popolazione indigena che abita le terre ai piedi del monte Roraima, ha dato a questa catena montuosa il nome di Tepuis che nella loro lingua significa “casa degli Dei”. La loro incredibile altezza, la loro cima piatta poggiata sulle nubi li rendono luoghi fantastici, ideali come dimora divina. La loro conformazione è data dalla loro età. Si tratta di rocce prevalentemente calcaree che hanno cambiato il loro aspetto nel tempo grazie all’azione degli agenti atmosferici. Per questo ora le cime sono delle pianure, non propriamente piatte disseminate di grotte, caverne e sculture scolpite dal vento. Sulle vette il paesaggio ricorda le immagini scattate sulla luna. L’irregolarità del terreno, le numerose statue naturali ed il tipico colore nero della roccia rievocano alla mente degli esploratori paesaggi al di là dell’immaginazione.

Il monte Roraime e altri luoghi incantati dei Tepuis

Il monte Roraime, il più alto, è chiamato dagli indigeni Pemon “la madre di tutte le acque”. Dai suoi 2700 metri di altezza infatti cadono numerose cascate da cui hanno origine i corsi d’acqua dell’intera zona.

Ma da questo punto di vista il Tepui più importante è quello di Auyantepui da cui sgorga una delle cascate più alte del mondo, la Angel Fall”. Il Tepui Roraime è più conosciuto invece per la sua splendida “valle di cristalli”. Una zona interamente ricoperta di quarzo.

Roraime

Escursioni sui monti Tepui

I Tepuis sono oggi zona di trekking, meta scelta da numerosi esploratori. È possibile programmare la propria escursione in uno dei villaggi Pemon che si trovano nei pressi degli altopiani. Sono gli stessi indigeni a fare da guida agli escursionisti aumentando cosi la suggestione di questi luoghi. Oltre allo spettacolo della foresta pluviale, alle inconsuete forme delle rocce modellate dal vento e alla presenza di specie animali e vegetali uniche i racconti degli indios riescono ad accrescere l’idea di luogo irreale. La sua conformazione insolita poi, trasforma questa esperienza in un’occasione unica. Un viaggio tra terra e cielo, tra reale e fantastico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche