Morfina per i piccoli pazienti del Gaslini di Genova

Genova

Morfina per i piccoli pazienti del Gaslini di Genova

Una terapia davvero sperimentale, e che farà sicuramente discutere molto, è stata recentemente presentata al congresso nazionale della Società Pediatrica Italiana a Padova, dall’equipe medica della dotoressa anestetista Maria Laura Massone. Il progetto in questione prevede la messa in atto di somministrazione di morfina a bambini e neonati all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova. Da subito, a difendere questa decisione, si è schierato Manlio Caporale, respondabile per la sanità dell’Italia dei Diritti, movimento presediuto da Antonello De Pierro: “I medici del Gaslini hanno perfettamente ragione. C’è una cattiva immagine della morfina che è sempre stata vista come una droga, quando prima di tutto è un farmaco che agisce sui recettori oppioidi. Le vie del dolore seguono varie direttrici, delle quali la principale si interrompe agendo sul ricettore oppioide. Alcune sostanze, in tal senso, hanno una funzione molto utile e non c’è alcun motivo per evitarne l’utilizzo. Siamo stati persino ripresi dalla Comunità Europea perché siamo la nazione che utilizza meno sostanze oppioergiche come la morfina. In tutto il continente vi si ricorre tranquillamente, mentre da noi per qualche sorta di pregiudizio si preferisce prescrivere antidolorifici gastrolesivi che costano tantissimo, al contrario dei 5 euro mediamente necessari per acquistare un farmaco oppioergico, con conseguente spreco di risorse economiche. Benvenga dunque questa sperimentazione – conclude Caporale -, e che si sdogani finalmente la cultura radicata che i farmaci che agiscono sui ricettori oppioidi siano roba da drogati”. …continua.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...