Morgan attacca X-factor e difende Amici di Maria De Filippi

Gossip e TV

Morgan attacca X-factor e difende Amici di Maria De Filippi

Fin dagli inizi della sua carriera Morgan è stato un personaggio stravagante e fuori dalle righe, che è sempre riuscito a conquistare l’interesse del pubblico. Per moltissime edizioni ha tenuto banco al tavolo dei giudici di X-factor, facendo arrivare al successo molti dei ragazzi di cui era coach. Ci sono stati diversi episodi che hanno fatto terminare quella che sembrava una squadra vincente, X-factor e Morgan, e così il cantante dei Blu Vertigo ha lasciato il programma con la promessa di non tornarvi mai più. Lo abbiamo visto invece sabato sera ad Amici, in veste di ospite fisso, in un programma che in un certo senso può essere considerato proprio il maggior concorrente della trasmissione Sky.

Il cantante ha rilasciato una intervista alla Repubblica in cui ha attaccato i meccanismi interni del programma di Sky facendo invece sentiti apprezzamenti per quello di Maria De Filippi. L’accusa? Ad Xfactor non c’era libertà, non era possibile insegnare veramente e iniziare un percorso.

Morgan ha dichiarato che il programma finiva nel momento in cui si spengevano le telecamere, non c’era nulla che andava oltre allo show, non era possibile costruire. Al contrario, Amici di Maria De Filippi, è una vera e propria scuola dove i ragazzi hanno per scopo principale quello di imparare e crescere, confrontandosi con gli insegnanti e con gli altri studenti. Aggiunge: “Lì il format è sovrano, blindato dall’esterno. A Amici c’è più libertà”. Inoltre Morgan si lascia andare ad un amaro commento nei confronti del talent, definendolo un vero e proprio tritacarne, poiché nel momento in cui un ragazzo entra a far parte del programma ha già firmato un contratto, mentre ad Amici non funziona così.
Sono parole pesanti quelle di Morgan nei confronti di uno show che lo ha visto protagonista per così tanti anni, come la prenderanno i suoi ex colleghi?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche