Mostre: quello che vedremo nel 2012 al MAXXI

Mostre

Mostre: quello che vedremo nel 2012 al MAXXI


Mostre: quello che vedremo nel 2012 al MAXXI
Aperture straordinarie, il Premio Italia Arte Contemporanea, Doris Salcedo a marzo e a giugno la partnership con il MoMA di NY

Le opere profumate e colorate di Indian Highway, i progetti visionari di Re-Cycle, le ricerche e i video di The Otolith Group, i disegni di Ludovico Quaroni, la collezione permanente del MAXXI Arte e le opere della Transavanguardia Italiana.

Aspettando il 2012 il MAXXI offre al pubblico natalizio un ricco panorama di mostre e tante aperture straordinarie, tra cui quelle di domenica 1 gennaio e lunedì 2 gennaio. Anche venerdì 6 gennaio 2012 il museo resterà aperto e alle ore 18.00 offre ai suoi visitatori il concerto Nineteen Mantras Variations nella hall del museo (ingresso libero).

Continua poi la promozione natalizia di myMAXXI, l’abbonamento al museo con cui sarà possibile regalare un anno di mostre, eventi e incontri al MAXXI e ricevere in omaggio un gadget esclusivo (tutte le informazioni su www.fondazionemaxxi.it).

MAXXI ARTE parte il 27 gennaio con il PREMIO ITALIA ARTE CONTEMPORANEA 2012: in mostra le opere pensate ad hoc per il museo dai quattro finalisti, Giorgio Andreotta Calò, Patrizio di Massimo, Adrian Paci e Luca Trevisani.

L’opera del vincitore, che verrà annunciato da una giuria internazionale il prossimo 22 marzo, entrerà a far parte della collezione del MAXXI Arte.

Doris Salcedo, artista colombiana di fama internazionale, presenterà a marzo l’installazione PLEGARIA MUDA (preghiera muta). [youtube http://www.youtube.com/watch?v=WOboEQgGplU&w=560&h=315]

MAXXI ARCHITETTURA propone a giugno la seconda edizione di YAP MAXXI, programma dedicato alla giovane architettura nato in partnership con il MoMA di NY.

A ottobre è la volta invece di un grande maestro del Novecento, Le Corbusier.

L’anno si conclude a dicembre con una mostra dedicata a un tema tipico della modernità: la rete delle stazioni di servizio e la loro evoluzione in strutture più complesse che offrono energia e servizi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche