Motivi per cui la serotonina causa la depressione COMMENTA  

Motivi per cui la serotonina causa la depressione COMMENTA  

L’esatta ragione per cui la depressione è legata al basso livello di serotonina è sconosciuta. Ma molti altri fattori legati alla depressione sono anche legati a bassi livelli di serotonina. Apportare modifiche dello stile di vita può contribuire ad aumentare i livelli di serotonina e diminuire la gravità della depressione.


Teoria
Bassi livelli di serotonina nel sangue sono collegati alla depressione. Inoltre, i farmaci che bloccano la ricaptazione o aumentano i livelli di serotonina attraverso un altro meccanismo alleviano i sintomi depressivi in molti casi.


Insonnia
Abitudini di sonno scarso possono portare a livelli di serotonina diminuiti. Se si verifica depressione, cerca di seguire un programma di sonno parlare con il proprio medico.


Mancanza di esercizio fisico
La depressione è legata a bassa motivazione ed una diminuzione dell’attività. La stanchezza cronica può essere sperimentata. Tuttavia, costringere a voi stessi a seguire una routine di esercizi può contribuire ad alleviare la depressione e aumentare i livelli di serotonina.

L'articolo prosegue subito dopo


Dieta povera
Una dieta priva di carboidrati o cibo spazzatura può portare ad una diminuzione dei livelli di serotonina. Considerare carboidrati sani e anche gli alimenti che contengono triptofano, come ad esempio i semi di mandorle, zucca o di sesamo, cereali integrali e legumi.

Mancanza di luce solare
L’inadeguata esposizione al sole può portare a bassi livelli di serotonina. Alcune forme di luce artificiale possono contribuire a migliorare i livelli di serotonina. La fototerapia è stata suggerita come un possibile trattamento per la depressione per questo motivo.

Stress
Lo stress mal gestito può diminuire i livelli di serotonina, che porta alla depressione. Trovare modi per affrontare adeguatamente lo stress può contribuire ad alleviare la depressione, migliorare la salute fisica e aumentare i livelli di serotonina.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*