MotoGP: donne, manie e tempo libero di Jorge Lorenzo. Tutto ciò che non sapete di lui

MotoGP: donne, manie e tempo libero di Jorge Lorenzo. Tutto ciò che non sapete di lui

Motori

MotoGP: donne, manie e tempo libero di Jorge Lorenzo. Tutto ciò che non sapete di lui

MotoGP: donne, manie e tempo libero di Jorge Lorenzo. Tutto ciò che non sapete di lui
MotoGP: donne, manie e tempo libero di Jorge Lorenzo. Tutto ciò che non sapete di lui

Jorge Lorenzo è un pilota molto diverso rispetto agli altri. Abbiamo imparato a conoscerlo in pista. E nella vita privata? Ecco qualche indiscrezione.

Jorge Lorenzo, in pista, può piacere o non piacere. Il suo passaggio dalla Yamaha alla Ducati nel MotoGP ne ha, senza dubbio, segnato la carriera. Un cambiamento che, però, sembra non aver per nulla intaccato la sua vita privata.

Jorge è il pilota più pagato del Mondiale: 24 milioni di euro per 2 anni. Un contratto di sole 18 pagine, un numero molto inferiore rispetto ai 50 fogli dei suoi rivali, pieni di clausole. Jorge non ha bisogno di nulla. Perchè conduce una vita semplice fatta di casa, allenamenti e videogames. Senza contare che raggiunge i circuiti senza nemmeno usare voli privati.

Il suo staff è composto da tre collaboratori. Di questi, solo uno è autorizzato a porgergli casco e guanti. E’ Enrique Pintor, l’uomo di cui si fida di più.

Poi c’è il suo massaggiatore Claudio Scribano e il suo personal trainer Ivan Lopez. Il pallino di Jorge? La cura del corpo attraverso un’attenta alimentazione e preparazione fisica. Donne? Macchè! Lorenzo è single. Non ha sufficiente tempo. Pensate che in Vietnam e in Indonesia si è serrato in albergo per non farsi assalire dalle tifose.

Visto che l’obiettivo del maiorchino è vincere, la notte può portare consiglio. In Ducati, si racconta di messaggi inviati appunto di notte per effettuare anche la più minima modifica alla moto. Per la giusta posizione della sella, ad esempio, ha impiegato giorni. Fortunatamente il rapporto con i meccanici è solido. Lorenzo trascorre ore con i suoi uomini dentro il box. A volte, li porta anche a cena, giusto per stemperare lo stress. Perchè Jorge ha un’unica mira: adattarsi, nel minor tempo possibile, alla nuova moto e sorprendere tutti già a partire dal Qatar. Può farcela, anche se sarà un’impresa dura.

Ma tirarsi indietro, non è il suo forte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*