MotoGP: Lorenzo vince a Valencia, Rossi quarto

Sport

MotoGP: Lorenzo vince a Valencia, Rossi quarto

MotoGP: Lorenzo vince a Valencia, Rossi quarto

Non c’era modo migliore per Jorge Lorenzo per congedarsi dalla Yamaha. Lo spagnolo ha vinto la classe MotoGp del Gran Premio di Valencia.

Al secondo posto l’altro spagnolo Marc Marquez, con la Repsol Honda.

Terzo Andrea Iannone e quarto Valentino Rossi.

Dopo 9 anni di matrimonio felice Jorge, in questo week end a Valencia, ha conquistato tutto.

Migliore nelle qualifiche, pole, subito in fuga dopo il via e bravissimo a resistere al ritorno di Marquez . Un dominio assoluto.

E’ il quarto successo di una stagione così così in cui lo spagnolo ha però commesso troppi errori.

Tra due giorni Jorge salirà sulla Ducati Gp17 progettata da Gigi Dall’Igna.

Valentino, quarto, chiude la stagione con un altro secondo posto in classifica. E’ il terzo anno consecutivo che finisce così, ma Valentino non molla. E’ pronto a riprovarci ancora.

Lorenzo ha cominciato a modo suo,aggressivo in partenza e con mezzo secondo di vantaggio dopo il primo giro su di uno Iannone reattivo dalla terza fila in griglia e spettacolare nella prima staccata dopo il via.

Valentino ha forzato i tempi, mettendosi subito a caccia del compagno di squadra. Sorpreso in partenza, Marquez si è messo prudentemente in scia della coppia italiana, mentre Pedrosa rimaneva vittima dell’ennesimo capitombolo, per fortuna senza gravi conseguenze.

Ad un terzo della gara Rossi e Iannone si scatenavano con interessanti sorpassi l’uno sull’altro.

Alle loro spalle, Vinales con la Suzuki aspettava a sua volta il momento giusto per diventare protagonista. Una gara spettacolare, quella sotto il sole valenciano, con Lorenzo che ne approfittava per rafforzare il primato.

A 13 giri dal termine Valentino e Iannone tornavano ad incrociarsi un paio di volte Valentino non si arrendeva ma Andrea, che si congeda dalla Rossa per prendere il posto di Vinales in Suzuki, si regalava un’ultima soddisfazione con la Rossa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche