"Mr. Ward a colazione", Castagnari mette in scena le emozioni - Notizie.it

“Mr. Ward a colazione”, Castagnari mette in scena le emozioni

Cultura

“Mr. Ward a colazione”, Castagnari mette in scena le emozioni

10710784_10205076301731785_6409671408173781764_n

Sempre più di rado mi capita di uscire soddisfatto da una sala teatrale. Ieri mi è successo al teatro Belli di Roma con lo spettacolo “Mr. Ward a colazione”, scritto e diretto da Riccardo Castagnari e interpretato dallo stesso Castagnari con Igor Petrotto. “Mr Ward a colazione” non è un semplice spettacolo ma un turbinio di emozioni sempre crescenti. La storia è quella che può capitare ad ognuno si noi: due persone, in questo caso due uomini, – uno di 50 anni, l’altro di 30 – dopo una relazione durata 10 anni si lasciano e il 50enne entra in un tunnel vorticoso sempre più fitto e tenebroso. La storia è vecchia come il mondo ma le emozioni che arrivano sono forti, trascinati, dolorose, asfissianti. Castagnari riesce a trasmettere, attraverso un testo di grande pregio, la terribile, straziante sofferenza dell’abbandono. La scrittura ineccepibile è accompagnata da un’ottima prova attoriale dei due protagonisti in scena, che diventano uno il contraltare dell’altro.

Su una scenografia completamente bianca, riempita solo da un letto e da pochi altri elementi, si consumano i sentimenti della vita: l’amore, la gelosia, l’odio, la passione, l’indifferenza. Le scene più significative della pièce vengono sottolineate da proiezioni di sequenze video, dirette da Rita Rocca, che arricchiscono e sostengono la drammaturgia. Il testo riserva allo spettatore non solo un eclatante colpo di scena ma addirittura un contraccolpo sapientemente costruito. Al di là di tutto, quello che resta di “Mr Ward a colazione” sono le emozioni, quelle che solo uno spettacolo “sincero” riesce trasmettere. “Mr Ward a colazione” è uno di quegli spettacoli a cui auguri lunga vita; per il momento resterà in scena al teatro Belli fino a domenica 19 ottobre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche