Mubarak condannato all’ergastolo: sentenza storica per un paese arabo

Esteri

Mubarak condannato all’ergastolo: sentenza storica per un paese arabo

Cairo – L’ex presidente dell’Egitto Hosni Mubarak è stato condannato all’ergastolo per le sue responsabilità nell’uccisione di 850 manifestanti durante le rivolte della “primavera araba”. Una sentenza certamente storica, la prima del genere nel mondo araba. Mubarak, quando aveva capito che le cose per lui si stavano mettendo male, si diede alla fuga. Un’improvvisa malattia, poi, lo colpì (la perdita del potere fa evidentemente male). Da quel momento l’ex rais vive praticamente in un letto. E su una barella si è presentato al processo. Per lui l’accusa aveva chiesto la pena di morte. Richiesta respinta a favore dell’ergastolo. Non luogo a procedere per quanto riguarda il reato di corruzione di cui era accusato Mubarak, assieme ai figli Alaa e Gamal, in questo caso il reato è caduto in prescrizione. Condanna all’ergastolo anche per l’ex ministro dell’Interno, Habib al-Hadly. All’esterno del tribunale ci sono state veementi proteste da parte dei manifestanti presenti che non hanno gradito la prescrizione per il reato di corruzione e che consente ai figli del Rais di restare liberi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...