Multe e rinoplastica: tutte le spese del Trota

Attualità

Multe e rinoplastica: tutte le spese del Trota

“The family”. Non è il sottotitolo di una nuova fiction o quello di un nuovo libro sui Kennedy bensì l’etichetta ben impressa sulla cartella sulla quale sta lavorando il Tribunale del Riesame di Napoli dopo la trasmissione al procuratore regionale della Corte dei Conti della Campania Tommaso Cottone. E la Family è ovviamente quella Bossi. L’obiettivo è infatti fare chiarezza sulle somme di denaro sequestrate a Francesco Belsito, e soprattutto capire quale sia stato il ruolo svolto da Renzo Bossi negli scandali che stanno travolgendo il Carroccio. E secondo le prime indiscrezioni il Trota, unico elemento della famiglia a comparire, ne uscirebbe malissimo, tra documenti d’intestazione di autovetture, assicurazioni varie e perfino un intervento di rinoplastica messo sul conto del tesoriere, o meglio del Partito. Per non parlare delle multe rimediate e messe in “conto terzi”: è questa la voce più cospicua tra limiti di velocità non rispettati in autostrada o soste sul marciapiede, come successo il 15 novembre 2010 in Viale Campania a Milano.

A pagare sarebbe ovviamente Belsito, visto che gran parte delle operazioni finanziate dal denaro a disposizione della Lega sono state avallate dal tesoriere, pur non riguardandolo in prima persona.

Quanto a Bossi jr, il figlio dell’(ex) leader dovrà fare i conti con un danno forse ancora peggiore, quello d’immagine. Già alla mega-riunione di Bergamo infatti il popolo padano ha mostrato di avere le idee molto chiare riguardo ai colpevoli del malaffare, fischiando sonoramente non solo Rosy-“La Nera” ma pure lo stesso Renzo Bossi pur all’interno di un paradossale imbarazzo tra gli applausi e gli striscioni per il padre e gli insulti al rampollo. Evidentemente il detto si è rovesciato e questa volta sono i figli a pagare le colpe del genitore: a meno che davvero Umberto il Grande non sapesse nulla. Ma per Bossino i problemi potrebbero non essere finiti visto quello che potrebbe ancora emergere dalle rivelazioni di chi deve ancora scendere dal Carro. Seguendo l’esempio dell’autista-banchiere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche