Multe quando vanno in prescrizione

Guide

Multe quando vanno in prescrizione

Le multe hanno una data di scadenza anche se, a volte, zelanti compagnie di riscossione tentano di estorcerne il pagamento ai cittadini, nonostante la contravvenzione sia ormai caduta in prescrizione secondo i vigenti termini di legge.
La prescrizione è infatti di cinque anni dal giorno in cui e’ stata commessa l’infrazione. In caso di successiva notifica della cartella esattoriale, il termine di prescrizione riparte da zero, per cominciare nuovamente dalla data di notifica.
Secondo il comma 153 dell’articolo 1 della Finanziaria 2008, gli agenti incaricati dalla riscossione possono notificare il verbale entro massimo due anni dalla consegna del ruolo. In pratica, per una contravvenzione del 2007, data in incarico alla compagnia di riscossione nel 2008, la data ultima valida di notifica sarebbe l’anno 2010.
I termini di prescrizione di una multa sono specificati nell’art. 209. del codice della strada, secondo il quale:
La prescrizione del diritto a riscuotere le somme dovute a titolo di sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni previste dal presente codice è regolata dall’art.

28 della legge 24 novembre 1981, n. 689.
Secondo l’articolo citato, la prescrizione della multa è fissato dunque a 5 anni. Infatti, sempre il codice stabilisce, nell’art. 28 della legge 24 novembre 1981 n. 689, che:
Il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni indicate dalla presente legge si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione. L’interruzione della prescrizione è regolata dalle norme del codice civile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*