Mumbai, paziente dichiarato morto si sveglia all’obitorio

News

Mumbai, paziente dichiarato morto si sveglia all’obitorio

Mumbai, paziente dichiarato morto si sveglia all'obitorio
Mumbai, paziente dichiarato morto si sveglia all'obitorio

A Mumbai un paziente è dichiarato morto dai medici, ma si sveglia all’obitorio poco prima che venga effettuata l’autopsia.

L’uomo di 40 anni circa, è stato ritenuto privo di coscienza e trovato alla fermata di un bus e portato all’ospedale di Sion a Mumbai dalla polizia, dove è stato dichiarato morto dopo che il suo battito è stato controllato dai medici.

Il suo corpo è stato coperto da un lenzuolo bianco mentre il dottore compilava una tabella riguardo la morte del paziente. Dopo aver pronunciato la sua morte, è rimasto per due ore nel lettino in attesa dell’autopsia.

Tuttavia, il pronto soccorso era pieno e l’uomo è stato portato direttamente all’obitorio, l’Hindustan Times, dove si è capito che avrebbe dovuto stare prima di essere portato fino a essere sottoposti ad autopsia.

“Il morto respirava. Abbiamo visto il suo stomaco muoversi”,  ha detto un uomo che stava per fare l’autopsia al Mid-Day.

Il sito di notizie ha affermato che il medico ha poi violato tutti i record della morte dell’uomo, mentre la polizia ha chiesto una relazione sull’incidente.

Ma il decano dell’ospedale, Sulman Merchant, ha detto al Hindustan Times che medico ospedaliero era stato spinto dalla polizia per certificare il decesso dell’uomo.

Il paziente era su una barella e il suo viso e orecchio erano infestati da larve, di solito visto in corpi decomposti “, aggiungendo che il polso e il battito cardiaco dell’uomo erano assenti e stava mostrando pupille dilatate fisse, che è” comune nei pazienti che sono vicino alla morte “.

Questo potrebbe aver portato alla dichiarazione non corretta della morte, Merchant ha detto, mentre si pensa che il medico sia stato “intimidito” dalla presenza della polizia. “La polizia continuava a dire al medico che il paziente era morto e ha insistito che lo certificasse con urgenza.”

L’uomo è ora in terapia intensiva e l’ospedale sta decidendo sul protocollo per assicurare che questo non accada in futuro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...