Muore a causa del cancro, mettono un cellulare nella bara

Esteri

Muore a causa del cancro, mettono un cellulare nella bara

4

Quando una persona muore il suo spirito resta vicino a noi? Ci hanno pensato e per un po’ creduto i familiari di Lesley Emerson, 59enne inglese sconfitta dal cancro, che al momento della sepoltura hanno inserito nella bara il suo cellulare.

Un modo per avere l’impressione di sentirla più vicina. La nipote le ha inviato un sms, forse per dirle quello che sentiva senza poterglielo spiegare di persona e quale non è stata la sua sorpresa quando ha ricevuto dal numero del cellulare sepolto un sms in riposta! Le parole erano consolatorie: “Vi proteggo, ce la farete a superare questo momento, andrà tutto bene” Dopo la prima macabra sorpresa i familiari hanno cercato una spiegazione logica che ovviamente esisteva: la società telefonica ha assegnato il numero, ormai inutilizzato, ad un altro utente, il quale, convinto che fosse uno scherzo, aveva risposto nello stesso tono.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Blue Whale
Cronaca

Blue Whale, terza vittima a Pescara: 15enne salvato dagli amici del calcetto

24 maggio 2017 di Ilaria Ferrario

Dalla Russia all’Italia, il gioco perverso della Blue Whale Challenge colpisce a Pescara, vittima un ragazzo di soli 15 anni che fortunatamente è stato fermato in tempo, prima che raggiungesse l’ultima fase di questa catena autodistruttiva. Non si tratta del primo caso in Italia, infatti si contano altre due vittime: una ragazzina tredicenne finita in ospedale ad Ancona e un coetaneo salvato da un’amica e dal padre. Nello specifico, dei tagli sul braccio del quindicenne avrebbero allarmato gli amici durante una banale partita a calcetto. In seguito al fatto, gli investigatori della Polizia Postale hanno provveduto a sequestrare il cellulare del ragazzino e capire, attraverso le conversazioni su Whatsapp, cosa abbia spinto la vittima a partecipare al gioco della morte della Blue Whale Challenge. Nonostante l’ideatore sia stato catturato e i casi legati al fenomeno siano in calo, rimane la preoccupazione che questo possa diffondersi e creare anche molti fasi allarmi.

Loading...