Muore l’arcivescovo Wesolowsky, accusato di pedofilia COMMENTA  

Muore l’arcivescovo Wesolowsky, accusato di pedofilia COMMENTA  

epa03885184 A handout photograph , made available on 26 September 2013 by Diario El Caribe shows Archbishop Josef Wesolowski as he participates in a mass in Saint Domain (Dominican Republic), on 17 April 2013. The attorney general of Poland announced on 25 September 2013, that his office will open a case against Wesolowski, accused of pedophilia in Dominican Republic, if evidence confirms a serious crime. EPA/Danny Polanco / HANDOUT EDITORIAL USE ONLY / NO SALES

L’arcivescovo polacco Józef Wesołowski, sotto inchiesta e alla sbarra per abusi su minori, è stato trovato morto nella sua abitazione in Vaticano. A comunicarlo è lo stesso ufficio stampa della Santa Sede: ‘Alle prime ore di questa mattina è stato trovato defunto nella sua abitazione in Vaticano S.E. Mons. Józef Wesołowski, già Nunzio Apostolico. È subito intervenuta l’autorità vaticana per i primi accertamenti, i quali indicano che la morte è dovuta a cause naturali’.

Il Promotore di Giustizia, Gian Piero Milano, una sorta di pubblico ministero del Vaticano ha disposto immediatamente l’esame autoptico per accertare le cause del decesso, i cui risultati, si legge in una nota del Vaticano, ‘saranno diffusi nel più breve tempo possibile’.

L’arcivescovo, attualmente,  non era agli arresti domiciliari nella residenza del collegio dei Penitenzieri, ma per lui vigeva il divieto di espatriare al di fuori dello stato Vaticano. L’uomo è stato trovato privo di vita nella sala Tv della residenza, con il televisore ancora acceso.

Leggi anche