Muore per un rito di iniziazione COMMENTA  

Muore per un rito di iniziazione COMMENTA  

La tragedia è avvenuta negli Stati Uniti: un ragazzo di 19 anni di New York voleva entrare nel circolo universitario demonimato Baruch College di Manhattan, ma in seguito ad un rito, ad un “gioco”, è deceduto. Le università americane sono molto diverse da quelle europee, sia come organizzazione che come strutture, ma anche come movimenti studenteschi.

Leggi anche: Calendario Red Hot contro il bullismo


Là vi sono delle confraternite e per entrare a farne parte è necessario superare delle prove, dei riti. Questo ragazzo, in un viaggio insieme ad altri membri di una confraternita, ha dovuto partecipare ad un gioco, una prova. Qualora l’avesse superata sarebbe entrato nel loro circolo. La prova consisteva nel fatto che, bendato e con un peso elevato attaccato alla schiena, avrebbe dovuto trovare alcuni membri della stessa confraternita, mentre altri avevano il compito di impedirgli il cammino, saltandogli addosso e ostruendogli il passaggio. In una di queste “collutazioni”, tra uno spintone, una caduta e qualche colpo, il ragazzo avrebbe riportato alcune ferite e un grave trauma al cervello che gli è stato fatale.

Leggi anche: 50enne arrestato: sotto la scuola per molestare ragazzina


Leggi anche

Referendum: il discorso di Matteo Renzi
News

Referendum: il discorso di Matteo Renzi

Matteo Renzi aveva promesso di dimettersi anche se potrebbe restare in carica sino al 2107. In attesa del discorso di ufficiale di Renzi, il premier su twitter scrive: "grazie  tutti comunque sarò presto a palazzo Chigi, viva l'Italia, arrivò arrivo" . Secondo i primi dati arrivati al Viminale  l'affluenza alle urne alla chiusura dei seggi in Italia per il referendum supera il  68%. Lo si rileva dal sito del ministero dell'Interno. Intanto, a quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi il Presidente del Consiglio Matteo Renzi parlerà intorno alla mezzanotte nella Sala dei Galeoni di Palazzo Chigi. E intanto è breaking news in tutto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*