Repubblica afferma: arrivata segnalazione sull’aggressore di Musy COMMENTA  

Repubblica afferma: arrivata segnalazione sull’aggressore di Musy COMMENTA  

Nelle ultime ore La Repubblica ha pubblicato un articolo in cui afferma di aver ricevuto una segnalazione (definita credibile) da un uomo che avrebbe riconosciuto l’aggressore di Alberto Musy, l’avvocato, professore e politico vigliaccamente aggredito lo scorso 21 marzo.

Leggi anche: Capodanno in piazza: ecco i più grandi eventi della notte di San Silvestro


Secondo Meo Ponte, l’autore dell’articolo, “potrebbe essere un professionista che lavora nel settore delle consulenze fallimentari”.

Parlando dell’articolo apriamo una parentesi: incredibile a dirsi, ma anche nella redazione di Repubblica c’è un piccolo Feltri.

Leggi anche: Meteo: a dicembre temperature di 2,5 gradi sopra la media, è allarme smog


Sì perché subito dopo, legandosi all’idea che Musy conoscesse il suo aggressore, si chiede: “Perché non ne ha rivelato l’identità alla moglie che lo ha soccorso quando era ancora cosciente?”. Forse ricordate il criticatissimo articolo di Feltri in cui si chiedeva, in seguito all’attentato in Norvegia di Breivik perché quei ragazzotti egoisti non fossero saltati addosso all’uomo che li stava massacrando. Non crediamo che siano domande corrette quelle che fanno l’esegesi dei commenti a caldo di una persona con diverse pallottole nel corpo.


Chiusa questa troppo lunga parentesi, speriamo comunque che l’annuncio non sia solo l’ennesima bufala sul caso Musy.

Vittorio Nigrelli

Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*