Mutui e Prestiti: con la liberalizzazione cosa cambia per gli italiani? COMMENTA  

Mutui e Prestiti: con la liberalizzazione cosa cambia per gli italiani? COMMENTA  

La prima novità del settore riguarda le assicurazioni sui mutui. Il settore bancario e assicurativo sono legati all’emissione di mutui in quanto per ogni prestito che viene erogato deve essere stipulata una polizza di assicurazione annessa.

Leggi anche: Studio Fmi: banche italiane ancora in sofferenza


Fino ad oggi la polizza era legata al gruppo bancario che erogava il prestito. Con il decreto lberalizzazioni, invece, dovranno essere presentati due preventivi che non riconducano all’istituto bancario che ha emesso il prestito.

Sarà cancellata l’ipoteca sui mutui estinti prima del 2006, senza che ci sia più l’obbligo di rivolgersi ad un notaio, e per trasferire un mutuo da una banca all’altro ci vorranno 10 giorni.

Leggi anche: Bce, il fallimento del credito: per le imprese resta ancora un sogno


Nel momento in cui si ottine un mutuo, ci sarà l’obbligo di aprire un conto corrente nello stesso istituto che ha concecco il finanziamento.


L’istituo bancario non dovrà prevedere per chi ha l’obbligo di aprire un conto corrente costi aggiuntivi. Per quest’ultimo provvedimento, l’Abi ha chiesto al Governo una revisione.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*