Mychael Knight di Project Runway è morto: aveva solo 39 anni
Mychael Knight di Project Runway è morto: aveva solo 39 anni
Gossip e TV

Mychael Knight di Project Runway è morto: aveva solo 39 anni

mychael knight

Mychael Knight, ex concorrente dello show di moda Project Runway, è morto a soli 39 anni: soffriva da anni di sindrome del colon irritabile

Mychael Knight era uno dei concorrenti più amati di Project Runway. Arrivato in finale nel 2006, Mychael ha vinto il premio dei fan. Grazie alla partecipazione al programma televisivo interamente dedicato alla moda, aveva dato inizio al suo brand personale, il quale sta riscuotendo tuttora molto successo. Il fashion designer è morto, però, quest’oggi, all’età di 39 anni. La causa del suo decesso non è stata ancora riferita, ma, in passato, aveva dichiarato più volte di soffrire di dolori addominali e di sindrome del colon irritabile. E’ morto circondato dalla sua famiglia.

Mychael Knight morto a soli 39 anni

Il fashion designer Michael Knight è morto circondato dalla sua famiglia all’età di 39 anni. Aveva da poco tempo dato inizio al suo nuovo brand e, grazie alla sua partecipazione al programma televisivo Project Runway, aveva ottenuto anche una discreta dose di fama.

Purtroppo, è morto quest’oggi in ospedale, circondato dai suoi affetti più cari.

La causa del decesso è ancora sconosciuta e i suoi numerosi fan sono rimasti veramente sconvolti nel momento in cui sono venuti a sapere della scomparsa di Mychael Knight. Il fashion designer dell’Alabama, aveva confessato di soffrire di una sindrome che gli causava forti dolori addominali, ma nessuno si sarebbe aspettato che la sua malattia sarebbe arrivata a questi livelli.

Dee Perez ha definito la scomparsa di Mychael Knight come “la perdita di un grande talento” e ha poi augurato alla sua famiglia di poter trovare pace e sollievo in questo difficile momento. Non ci sono altre parole per descrivere la dipartita di Mychael Knight.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche