Na tazzulella e’ caf?… COMMENTA  

Na tazzulella e’ caf?… COMMENTA  

A Napoli fino a qualche anno fa vigeva l’usanza del “caff? sospeso”, cio? un caff? pagato al bar, non consumato, da offrire a chi era meno abbiente.

Un modo tutto napoletano per esprimere solidariet?. L’originalit? di questo popolo ? ormai rinomata e credo che l’abilit? di trasformare un piacere come una buona tazzina di caff? fumante in un atto di carit? lo dimostri appieno.

Speriamo che presto ritorni in auge questo modo estroso di fare del bene. E come dice Pino Daniele: “Na’ tazzulella e’ caf? acconcia a vocca a chi nun po’ sap?…”

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*