Napoli 6 da Champions: Cagliari demolito - Notizie.it
Napoli 6 da Champions: Cagliari demolito
Calcio

Napoli 6 da Champions: Cagliari demolito

Qui San Paolo, a voi Stamford Bridge. In attesa di debuttare in campionato contro lo Stoke City, sabato pomeriggio, Roberto Di Matteo ha di che preoccuparsi: il Napoli scoppia di salute e pur a cinque giorni dalla partita dell’anno in Champions seppellisce sotto sei reti, con altrettanti marcatori diversi, il malcapitato Cagliari rilanciandosi definitivamente nella lotta per il terzo posto. Ecco quindi la quinta vittoria consecutiva in campionato, un traguardo che mancava da vent’anni e che carica a mille un ambiente che dopo serate come questa non può che credere in quella che, visto come corre la squadra da quaranta giorni a questa parte, non sarebbe un’impresa.

La partita. A meravigliare positivamente tifosi e Mazzarri è la capacità della squadra di distinguere gli impegni, di non farsi condizionare da quanto accadrà martedì: merito indiscusso dell’allenatore ma anche del gruppo, che ha fatto passi da gigante sul piano della mentalità e della concentrazione.

Così fin dall’avvio gli azzurri partono con il piede sull’acceleratore con il chiaro intento di chiudere la pratica il prima possibile: dopo 10’ allora Hamsik sblocca già la partita con un destro angolatissimo dai venticinque metri, nella completa libertà concessagli dalla difesa sarda. Al 20’ è già tempo di raddoppio: punizione di Lavezzi, Cannavaro scatta in leggero fuorigioco ed insacca di testa. Il Cagliari è in confusione e si fa gol da solo alla mezzora: discesa di Lavezzi sulla destra, cross ed Astori infila la propria porta. Partita di fatto conclusa, ed obiettivo raggiunto per il Napoli.

Il Cagliari prova a rientrare in partita al 37’ con un preciso colpo di testa di Larrivey su punizione di Conti ma nell’intervallo Mazzarri si fa sentire. Così quello dell’avvio di ripresa è spettacolo puro: da una parte un Cagliari che ha poco da perdere, e che sul 3-0 aveva inserito un altro attaccante, dall’altro un Napoli che vuole divertirsi e sciogliere le gambe.

Così entrambe le squadre cercano il gol, esponendosi a pericolosi contropiede ma ad uscire “vittorioso” da questo duello impari sono gli azzurri: al 10’ Lavezzi si fa atterrare da Canini e trasforma il conseguente rigore eguagliando il proprio record di otto reti in campionato di due anni fa e sotterrando definitivamente le speranze dei sardi. Il resto è accademia ma non ditelo a Gargano che al 70’ si inventa un gol d’antologia con tanto di sombrero in area e sinistro imparabile prima del secondo break firmato Larrivey, ancora di testa su cross di Ibarbo. Ultimi fuochi con Maggio (84’) su servizio di Pandev ed all’ultimo secondo con lo scatenato Larrivey, ancora di testa, ed ancora su invenzione di Ibarbo. Finisce in tripudio ma solo per il Napoli: Chelsea avvisato.

E pensare che il Cagliari non aveva neppure iniziato male, mostrando un atteggiamento non rinunciatario pur senza Cossu, assente dell’ultim’ora: ma la squadra gioca con la paura addosso, imbarca gol che è un piacere e la classifica si fa sempre più complicata.

A Cellino, che non è riuscito neppure a “limitare i danni” come chiesto alla vigilia, non resta che confidare nel Milan che blocchi lo scatenato Lecce ma non tutto in fondo è da buttare: intanto è stata ritrovata la via della rete in trasferta dopo 340’, ma a confortare è anche la costante ricerca del gioco anche nei pochi minuti in cui il risultato è stato in equilibrio. E per una squadra da tranquillo centroclassifica dalla cintola in giù, avere trovato una tripletta del proprio centravanti, quel Larrivey finora mai convincente, è un’autentica manna: non sempre infatti ci sarà davanti il Napoli formato Champions.

Napoli-Cagliari 6-3

Marcatori: 10’ Hamsik; 19’ Cannavaro; 30’ aut. Astori; 37’, 78’, 92’ Larrivey; 55’ rig. Lavezzi; 70’ Gargano; 84’ Maggio

Napoli: De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Zuniga, Gargano (74’ E. Vargas), Inler, Dossena; Hamsik (63’ Maggio), Lavezzi (59’ Cavani); Pandev. (Rosati, Fernandez, Fideleff, Ammendola). All.: W. Mazzarri.

Cagliari: Agazzi; F.

Pisano (46’ Perico), Canini, Astori, Agostini; Dessena (66’ Gozzi), Conti, Nainngolan (31’ Thiago Ribeiro); Ekdal; Larrivey, Ibarbo. (Avramov, Ariaudo, Cossu, Nenè). All.: D. Ballardini.

Arbitro: Brighi (Cesena)

Ammoniti: Pisano, Dessena e Canini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche