Napoli. Cavalleria Rusticana in scena al Teatro Orazio COMMENTA  

Napoli. Cavalleria Rusticana in scena al Teatro Orazio COMMENTA  

La celebre opera lirica “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, rivive sul palcoscenico del Teatro Orazio, unica sala della città che include nella sua stagione teatrale anche opere di musica classica.


Ad eseguire l’opera tratta dalla omonima novella di Giovanni Verga, sono Orchestra e Coro Polifonico dell’Accademia Musicale Enrico Caruso, diretti dalM° Giuseppe Schirone.

La regia ha concepito un allestimento molto innovativo che punta ad una messinscena per il pubblico e tra il pubblico; l’apposita scenografia è stata curata daLuciano Veneruso.


Questo allestimento ha già riscosso grande successo nel 2005, in occasione della festività di San Gennaro, nella piazza del Duomo di Napoli e nel 2007, nell’ambito della rassegna “Pomigliano Classica”, applaudita da oltre 2000 spettatori.


Cavalleria rusticana”, messa in scena per la prima volta nel 1890, narra le vicende che ruotano intorno ad una tresca amorosa che vede protagonisti Turiddu, Lola, Alfio e Santuzza; tutta l’azione si svolge nel giorno di Pasqua in un paesino della Sicilia. Celeberrime alcune arie come “Viva il vino spumeggiante” cantata da Turiddu e “Voi lo sapete, o mamma” cantata da Santuzza.

L'articolo prosegue subito dopo


Le voci soliste sono il soprano Anna Rita Scognamiglio nel ruolo di Santuzza, il tenore Roberto Cresca nel ruolo di Turiddu, il baritono Maurizio Esposito nel ruolo di Alfio, il contralto Marina Mega nel ruolo di Mamma Lucia e il mezzo soprano Diyana Pashova in quello di Lola.

 

 

 

 

 

 

 

CALENDARIO PROGRAMMAZIONE

Venerdì 23 marzo – ore 21,00

Sabato 24 marzo – ore 21,00

Domenica 25 marzo – ore 18,00

Info e prenotazioni:

081 049 42 60 – 346 078 42 25

www.teatroorazio.it

 

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*