Chelsea-Napoli: le probabili formazioni COMMENTA  

Chelsea-Napoli: le probabili formazioni COMMENTA  

La prima vittoria è stata ottenuta. Nella Partita dell’Anno (in attesa di quelle che potrebbero venire), che potrebbe spalancare per la prima volta nella storia la porta dei quarti di finale di Champions, Walter Mazzarri potrà regolarmente seguire i suoi da vicino, anzi vicinissimo dato che a Stamford Bridge la distanza tra campo e spalti è ancora inferiore rispetto agli altri impianti d’oltremanica. Il Tas ha accolto l’appello contro i due turni di stop inflitti al tecnico dopo l’espulsione di Vila-Real ed allora Lavezzi e compagni saranno un po’ meno soli nei 90’ più lunghi degli ultimi vent’anni di storia azzurra e la notizia è tutt’altro che secondaria vista la nota capacità dell’allenatore di San Vincenzo di vivere la partita con i propri ragazzi, di telecomandarli non solo a livello tattico. Ammesso che soli potessero sentirsi con 2.700 tifosi al seguito: per gli altri 2000 senza biglietto sarà una serata di passione per le strade londinesi. Ma la marea azzurra sarà quella che dovrà muoversi all’unisono sul campo.


Chelsea: Roberto Di Matteo non pensa a mantenere il suo posto per la prossima stagione, e forse è proprio questo il segreto del suo ottimo approccio alla prima panchina importante della carriera, oltre ad un rapporto con la vecchia guardia, quella che l’aveva giurata a Villas Boas. Rispetto alla precedente gestione, però, c’è da attendersi un po’ più di malizia tutta italiana, in sede di preparazione del match ed anche di formazione: niente assalti all’arma bianca o difesa altissima, insomma, perché due gol si possono fare anche con calma (l’Arsenal insegna…) e prestare il fianco alle ripartenze del Napoli sarebbe pericolosissimo) mentre quanto all’undici di partenza Di Matteo rinnova la fiducia a Mikel come schermo davanti alla difesa lasciando libertà d’azione a Mata. Dietro Cahill preferito a David Luiz.


Napoli: grazie ad uno staff atletico di primissima qualità il Napoli di Mazzarri è una delle squadre con meno infortuni da ormai tre anni a questa parte: i tifosi potranno toccare ferro ma non solo i giocatori sono in forma ma scoppiano di salute proprio nel momento più delicato della stagione. Insomma tutto è stato preparato alla perfezione, inclusa la testa dei giocatori: il 3-1 è solo un buon risultato, sarà fondamentale passare indenni la prima mezz’ora di assalti dei blues ma anche se questo non dovesse succedere dovrà essere la testa a guidare i giocatori del Napoli che hanno già dimostrato di non essere inferiori ai titolati avversari. I dubbi di formazione quindi non sussistono, con Zuniga come al solito preferito a Dossena in campo europeo e con Maggio e Cavani pronti a tornare titolari: l’undici è quello abituale, imparato a memoria da tifosi e non. Proprio come ai tempi di Maradona.


Probabili formazioni. Chelsea: Cech; Ivanovic, Terry, Cahill, A. Cole; Lampard, Mikel, Ramires; Sturridge, Drogba, Mata. Napoli: De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Inler, Zuniga; Hamsik, Lavezzi; Cavani.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*