Napoli-Chelsea: le probabili formazioni

Calcio

Napoli-Chelsea: le probabili formazioni

Dagli sky blue del City ai dark blues del Chelsea: la Champions League del Napoli continua all’insegna di curiose coincidenze cromatiche ma oggi più che mai per gli azzurri è tempo di dire ”Scurdammoce ‘o passato”. Perché sono trascorsi ormai più di due mesi dalla magica notte contro i Citizens e da una qualificazione insperata e, tributato il doveroso omaggio ad un gruppo che è già nella storia del club e non solo, è tempo di provare a scrivere nuove pagine di storia. Durante questi sessanta giorni di molti bassi e pochi alti in campionato, infatti, la squadra è riuscita a smaltire le tossine di un girone estenuante soprattutto a livello psicologico confermando il pregio principale di questa stagione, ovvero quello di non fallire mai gli appuntamenti importanti, quelli decisivi. Basti pensare che la lenta risalita anche fisica della squadra cominciò dalla notte di Coppa Italia contro l’Inter: gara secca e quindi senza appelli ma gli azzurri la interpretarono alla perfezione.

Così come la sfida di campionato contro il Milan dove un Napoli un po’ più coraggioso avrebbe anche potuto fare bottino pieno.

Ma quel pomeriggio a San Siro è servito a capire che tutto può ancora funzionare alla perfezione: basta volerlo e sintonizzare gambe, cervello e cuore. Chelsea avvisato, quindi, ma in questo caso pure la fortuna c’ha messo del suo ponendo di fronte al Napoli un avversario che sta vivendo il momento peggiore della sua storia recente, leggi gestione Abramovich. Villas Boas, che recupera comunque Terry e sembra deciso a preferire Drogba a Torres, ha deluso le aspettative ma le colpe non sono solo sue, quante di un mercato non solo lontano anni luce da quello dei tempi d’oro del magnate russo ma ancora incapace di voltare pagina rispetto ad una generazione gloriosa ma ormai superata. Ma in fondo questa doveva essere la stagione dell’agognato assalto alla Champions e tale rimane l’ultimo obiettivo ancora a disposizione dei Blues: vincerla appare impensabile ma superare questo turno potrebbe regalare una ventata di entusiasmo insperata visto che, anche se dirlo è parso strano pure a Mazzarri, la squadra favorita è proprio il Napoli.

E ad agevolare il compito del Napoli ci penserà lo stesso Chelsea: perchè una squadra “normale”, tanto più in crisi, si presenterebbe al San Paolo coperta ed attenta a non concedere spazi alla velocità del Napoli.

Ma lo Special Two, accusato più volte di essere troppo spregiudicato, non si smentirà e “punterà a segnare per chiudere la qualificazione”. Tanto di guadagnato e la spinta di uno stadio quasi esaurito dovrà essere davvero l’arma in più per la squadra di Mazzarri che, pur costretto alla tribuna dalla squalifica rimediata a Vila-Real, si presenterà in formazione tipo eccetto l’assenza di Campagnaro che difficilmente recupererà dal guaio muscolare rimediato a Firenze: quasi commovente la favola legata al suo sostituto, Gianluca Grava, unico superstite della squadra che ricominciò dalla C1 e che tredici mesi dopo il grave infortunio al ginocchio si appresta a fare il suo esordio da titolare in Champions nella giornata più importante ed a pochi giorni dal 35esimo compleanno. Probabili formazioni. Napoli: De Sanctis; Grava, Campagnaro, Aronica; Maggio, Gargano, Inler, Zuniga; Hamsik, Lavezzi; Cavani. Chelsea: Cech; Ivanovic, Luiz, Terry, A. Cole; Ramires, Lampard, Meireles; Mata, Drogba, Sturridge.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche