Napoli crolla: la facoltà di veterinaria è solo l’ultimo caso

Napoli

Napoli crolla: la facoltà di veterinaria è solo l’ultimo caso

Napoli-crollano-palazzine-della-facolta-di-Veterinaria
Napoli-crollano-palazzine-della-facolta-di-Veterinaria

Napoli è piena di cavità tufacee, che hanno causato anche l’ultimo crollo della facoltà di veterinaria

Stavolta non ci sono state vittime, ma non sempre si è avuta questa fortuna

tutta Napoli a rischioNAPOLI CROLLA – Santa Maria degli Angeli, a Napoli, è sede della facoltà di veterinaria, una piccola meraviglia per posizione e funzionalità. Ma allo stesso tempo anche una via molto fragile, innervata nel sottosuolo di cavità tufacee, per meglio dire cave di tufo estratte dall’uomo nei secoli addietro e mai censite o meesse in sucurezza. Una di queste ha dato scosse di assestamento all’alba del 9 dicembre, alle ore 5.30. Il custode, per fortuna, ha sentito tutto e ha diramato l’allarme per studenti e personale degli uffici. Alle 13.30 l’ala, che racchiude la gran parte di uffici e segreterie della facoltà, è definitivamente crollata, come potete vedere in foto, lasciando preside e studenti allibiti a far la conta dei danni

LE DICHIARAZIONI – Mentre il grido evoca i continui definanziamenti dedicati alla scuola, ma sarà la magistratura a determinare le cause del crollo, il rettore dell’Ateneo, Gaetano Manfredi, parla di danni ingenti, perché a cedere sono state le fondamenta: i ragazzi della facoltà di veterinaria di Napoli hanno osservato un giorno di sospensione dalle attività, ma probabilmente una parvenza di funzionalità si riavrà solo dopo le vacanze di Natale.

L’ULTIMO DI UNA LUNGA SERIE – Negli ultimi anni sempre più spesso a Napoli ci sono stati crolli di edifici.

Il più recente, oltre questo, è stato quello della Caduta di Palazzo Guevara a Riviera di Chiaia nel 2013. Una donna, in bagno al momento dell’accaduto, è viva per miracolo. In quel caso a causare il crollo sarebbe stata un’infiltrazione d’acqua. Il tutto conferma il forte rischio idrogeologico di Napoli e provincia, aggravato dalla mancanza di manutenzioni e di controlli specifici sul territorio, che rendono evidente il rischio dissesto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Modestino Picariello 708 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+