Napoli, Insigne mette in guardia il Real Madrid: “Non è finta qua!”

Calcio

Napoli, Insigne mette in guardia il Real Madrid: “Non è finta qua!”

Napoli, Insigne mette in guardia il Real Madrid: "Non è finta qua!"
Napoli, Insigne mette in guardia il Real Madrid: "Non è finta qua!"

Lorenzo Insigne, dopo la sconfitta di Madrid è convinto nella rimonta del 7 marzo a Napoli: “Loro abituati, noi no. Al ritorno sarà un’altra partita”.

Il Napoli non si arrende. E non accetta di credere che sia finita al Bernabeu. Il Real Madrid ha certamente dimostrato la sua forza all’andata ma, al San Paolo, grazie al sostegno dello stadio intero, la musica può cambiare. A pensarlo è anche Lorenzo Insigne che, durante un’intervista al Corriere dello Sport, ribadisce il proprio crederci fino in fondo. Non ha alcuna intenzione di perdere la concentrazione: “Io non sono così pessimista – dichiara – Il 3-1 condiziona il giudizio. Loro sono stati bravi. Ma noi non meritavamo questo passivo. Non è ancora finita”.

L’esterno azzurro e della Nazionale italiana è chiaramente consapevole della forza del Real Madrid e, del suo tipo di gioco: “Loro ce l’hanno nel sangue. Hanno vinto moltissime coppe e di ogni tipo. Ma noi siamo sulla strada giusta. Abbiamo solo bisogno di maturare e, per farlo, sono necessarie gare come queste. E delusioni come queste. Delusioni dalle quali, però, ci si deve rialzare. Perché il Napoli è vivo. Lo vedrete al ritorno. E poi non mi sembra sia stata una così brutta partita. Il risultato inganna.”.

In poche parole, Insigne è convinto che la sua squadra possa ancora farcela. E, in questo modo, cerca di darle una scossa: “Sarebbe sbagliato buttarsi a capofitto. In questi anni, abbiamo dimostrato di saper fare gol ed è successo anche a Madrid. Bisogna solo avere pazienza. Loro verranno in uno stadio che sarà una bolgia e sono convinto che noi saremo più rilassati e più carichi”. Ma Insigne non perde tempo. Già pensa al Campionato e alla gara di domenica contro il Chievo Verona. Anche se, col cuore, è già al ritorno del 7 marzo: “Vi stupiremo – conclude – Ritroveremo noi stessi, ciò che la gente è abituata a vedere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...