Napoli-Juventus: tre motivi per accedere alla finale

Calcio

Napoli-Juventus: tre motivi per accedere alla finale

Napoli-Juventus: tre motivi per accedere alla finale
Napoli-Juventus: tre motivi per accedere alla finale

Al San Paolo in ritorno della semifinale di Coppa Italia: si riparte dal 3-1 per i bianconeri. Tre motivi per puntare sulla finale e le probabili formazioni

Questa sera va in scena la semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Napoli e Juventus. Si riparte dal vantaggio bianconero, che allo Stadium ha battuto gli azzurri per 3-1. Si tratta della seconda sfida al San Paolo nel giro di tre giorni. Domenica scorsa infatti, le due formazioni si sono affrontate nel posticipo serale della trentesima giornata di Serie A. La gara è terminata per 1-1, con Hamšik che ha risposto al vantaggio iniziale di Khedira. La gara di questa sera ha significati diversi per le due squadre, ma entrambe hanno importanti motivi per provare a fare risultato e ad accedere alla finale.

Vediamo allora le diverse motivazioni che caratterizzano il match, partendo dalla Juventus. La squadra di Allegri vive un momento di grande forma: prima in classifica con un distacco di sei punti dalla Roma che insegue; qualificata ai quarti di finale in Champions League, dove incontrerà il Barcellona; in vantaggio sul Napoli grazie al risultato dell’andata in Coppa Italia.

Accedere alla finale della coppa nazionale significherebbe quindi mantenere vivo il sogno “triplete” e questa è una tra le motivazioni che guideranno in campo i ragazzi di Allegri.

Una vittoria questa sera potrebbe poi dare morale alla Juventus, impegnata in un mese durissimo, sportivamente parlando. I bianconeri hanno infatti già sfidato il Napoli, e dopo la nuova gara di questa sera se la dovranno vedere con il Barcellona di Messi, Suarez e Neymar, nella doppia sfida europea. Una vittoria a Napoli potrebbe dare la carica alla squadra in vista dei prossimi impegni.

Il terzo obbiettivo per la Juventus potrebbe riguardare direttamente il centravanti della formazione degli Agnelli: Higuaìn. L’argentino torna a Napoli per la seconda volta. Per lui si prevede una partita che sappia di riscatto, dopo la gara sotto tono di domenica scorsa e dopo i fischi assordanti con i quali i suoi ex tifosi lo hanno accompagnato per tutti i novanta minuti.

Diverse le motivazioni per la squadra allenata da Maurizio Sarri.

Il Napoli, dopo il pareggio di domenica scorsa, deve praticamente rinunciare al sogno scudetto. L’unico obbiettivo di campionato rimane adesso la qualificazione in Champions. Dopo l’eliminazione dall’Europa League, subita a vantaggio del Villareal, la Coppa Italia rappresenterebbe quindi l’ultimo trofeo disponibile per i partenopei.

Quando si parla di Napoli e Juventus poi, si parla di una rivalità storica, accesasi ulteriormente dopo la sessione di mercato della scorsa estate. Una gara che mette in palio non soltanto il successo sportivo, ma anche l’orgoglio di due squadre, di due città e di due tifoserie. Un Napoli che ha voglia di rivincita, e che sicuramente scenderà in campo con l’aggressività necessaria per portare a casa il risultato.

La terza motivazione che spingerà gli uomini di Sarri riguarda lo stesso allenatore. Per Sarri, la vittoria del trofeo della coppa nazionale, rappresenterebbe il primo grande traguardo da tecnico. La scorsa settimana il tecnico toscano ha vinto la panchina d’oro battendo proprio Allegri, posizionatosi secondo, con uno scarto di tre voti.

Una vittoria questa sera gli spalancherebbe le porte della finale e gli consentirebbe l’opportunità di chiudere al meglio una stagione comunque positiva.

Vediamo adesso le probabili formazioni con le quali le due squadre scenderanno in campo al San Paolo. Entrambi gli allenatori decidono di cambiare alcune pedine. Allegri non rinuncia al 4-2-3-1, ma a supporto di Higuaìn subentrano Dybala, Cuadrado e Sturaro. Dentro anche Neto, Dani Alves, Benatia e Alex Sandro. Sarri invece questa volta decide di affidarsi a Milik. Il polacco sostituisce Mertens, e guiderà l’attacco affiancato da Insigne e Callejon. Tra i pali recupera Reina, mentre Ghoulam, Zielinski e Diawara sostituiscono Strinic, Allan e Jorginho.

PROBABILI FORMAZIONI: Napoli (4-3-3) Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Diawara, Hamsik, Callejon, Milik, Insigne; Juventus (4-2-3-1) Neto, Dani Alves, Bonucci, Benatia, Alex Sandro, Khedira, Pjanic, Cuadrado, Dybala, Sturaro, Higuain.

Chi arriverà in finale dovrà vedersela con la Lazio di Simone Inzaghi.

Ieri sera infatti, pur avendo perso contro la Roma per 3-2, la Lazio si è qualificata per la finale in considerazione del risultato d’andata (2-0 per la Lazio). La Lazio attende, Napoli e Juventus si preparano. Fischio d’inizio questa sera alle 20.45.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche