Napoli Rom Uccisi per rappresaglia dopo furto al Boss COMMENTA  

Napoli Rom Uccisi per rappresaglia dopo furto al Boss COMMENTA  

Napoli sono ben cinque le persone che sono state arrestate a piazza mercato, i cinque erano ritenuti affiliati al clan Mazzarella. Sono stati arrestati perché ritenuti responsabili di ben cinque omicidi. Due dei delitti commessi risalgono al lontano 2004.

Leggi anche: Napoli, ritrovati 2 dipinti Van Gogh rubati al museo: valore inestimabile


I due rom furono uccisi in quanto avevano effettuato un furto nell’appartamento del boss, i due non sapevano di aver preso di mira la casa sbagliata. I Killer andarono al campo rom che si trovava a secondigliano e uccisero i due ladri Mirko e Goran Radosavljevic.

Leggi anche: Chiaiano, Napoli: agguato di camorra. Morti e feriti


Inoltre le cinque persone sono ritenute responsabili anche di altri due omicidi, ovvero quello di Francesco Ferrone che avvenne il 3 febbraio del 2004 e quello di Antonio Scafaro che avvenne nel 2005.

Il tutto si è venuto a sapere grazie a dei collaboratori di giustizia che a quel epoca erano molto vicini alla famiglia Mazzarella di cui uno era stato dichiarato anche il reggente.

Leggi anche

Svizzera: sexy soldatesse per una campagna social
Attualità

Svizzera: sexy soldatesse per una campagna social

Una campagna social o un azzardo e una violazione delle regole? Sta di fatto che sui social le donne militari sfoggiano in divisa militare armi e pose belliche tutta la loro sensualità. La Svizzera è sempre stata esente da battaglie e si è sempre tenuta i campo neutrale. Svizzera che però adesso sta cercando di promuovere una nuova immagine di militare: le soldatesse.  Svizzera che con l'hashtag #schweizerarmee sia su twitter che su  Instagram propone delle donne, affascinati e anche sexy con le armi in mano e sui carri armati.  Anche s ere donne sono solo l'1% dell'Arma, sono state scelte come testimonial dell'esercito per Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*