Napolitano: 45 uomini di scorta per l'ex Presidente della Repubblica

Napolitano: 45 uomini di scorta per l’ex Presidente della Repubblica

Politica

Napolitano: 45 uomini di scorta per l’ex Presidente della Repubblica

Giorgio Napolitano
Giorgio Napolitano

È giunta in Parlamento la polemica relativa alla maxiscorta garantita all'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e a sua moglie Clio

È giunta in Parlamento la polemica relativa alla maxiscorta garantita all’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e a sua moglie Clio.

L’inchiesta, pubblicata domenica su “Il Tempo”, ha rivelato che il presidente emerito avrebbe oggi più uomini a disposizione per la propria sicurezza di quanti ne aveva quando era in carica. Al momento della sua presenza in Quirinale, Napolitano aveva circa trenta agenti che si occupavano del suo servizio di scorta. Ora, scrive Silvia Mancinelli sul quotidiano romano, “può contare su 45 agenti di scorta, poliziotti addestrati come e più dei colleghi. Divisi ogni giorno in cinque turni […] distolti dal servizio sul territorio”.

Se può sembrare scontato che a un ex presidente venga garantita la sicurezza, una scorta così sproporzionata sembra quasi scortese. Non solamente nei confronti dei contribuenti che la finanziano, ma anche del successore di Napolitano. Sergio Mattarella, infatti, è decisamente più restio nelle richieste. C’è poi il mistero relativo al regolamento, in vigore dal 4 marzo 2015.

Esso prevede la scorta solo al titolare del diritto. Mentre Napolitano avrebbe chiesto e ottenuto un’auto in più anche per la moglie. Inevitabile, quindi, la polemica.

Fabio Rampelli (Fdi) ha annunciato un’interrogazione parlamentare. La senatrice M5S Paola Taverna su Twitter ha criticato i troppi agenti che fanno da balia a lui e alla sua emerita. “In barba – scrive la Taverna – a chi non può permettersi neanche una baby sitter. E ai magistrati che ne avrebbero molto più bisogno di lui”.

Scorta aumentata per l’ex capo di Stato Giorgio Napolitano e per la moglie Clio

La scorta di Giorgio Napolitano è quindi aumentata da quando non è più presidente della Repubblica. La notizia è stata ripresa anche da alcuni siti internet, tra cui “Affaritaliani” e “Libero”. Stando a quanto scritto dal quotidiano romano, sono appunto 45 gli agenti scelti che seguono l’ormai ex capo dello Stato. “Il Tempo” scrive che non solo la scorta non è diminuita di numero, ma che Napolitano avrebbe anche chiesto che un’auto segua sempre la moglie Clio. Per la sua sicurezza, l’ex Capo dello Stato può contare infatti su poliziotti addestrati come e più dei colleghi.

I militari sono divisi ogni giorno in cinque turni e quindi distolti dal servizio sul territorio.

Da quando Napolitano non è più Capo dello Stato, di fare a meno di questa protezione non si è mai accennato. Eppure nel 2007 fu proprio lui a vagheggiare il ridimensionamento dei trattamenti riservati agli ex capi di Stato. “Libero” aggiunge quelli che sarebbero i costi. “Poliziotti addestrati che guadagnano tra i 1700 ai 2000 euro, con straordinari fino a 50 ore in un solo mese (pagati 7-8 euro l’ora). L’indennità di Palazzo va dai 400 euro per gli agenti semplici ai 1600 euro per i dirigenti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche