Nasce l’idea di un “carcere sostenibile” COMMENTA  

Nasce l’idea di un “carcere sostenibile” COMMENTA  

Il progetto “Liberiamo le competenze, e arrestiamo gli sprechi”, organizzato dal carcere delle Vallette, ha lo scopo di ridurre il più possibile i consumi energetici migliorando il comfort e coinvolgendo gli stessi detenuti; il progetto è stato intrapreso in collaborazione con Regione Piemonte, l’agenzia Energia e Ambiente, la Casa di Carità Arti e Mestieri Onlus e il gruppo Saint-Gobain.


L’iniziativa ha già preso il via con l’attivazione di tre corsi di formazione destinati ai detenuti:  montatore elettricista, tecnico per la riqualificazione ambientale, vivaista e operatore della manutenzione del verde.

I detenuti coinvolti sono 24, che hanno la possibilità di ottenere qualifiche professionali con l’avvio al lavoro esterno: essi hanno partecipato alla realizzazione di opere di riqualifica ambientale ed energetica del carcere, che hanno permesso un risparmio energetico del 73%.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*