Naso rotto bambini piccoli: cosa fare
Naso rotto bambini piccoli: cosa fare
Guide

Naso rotto bambini piccoli: cosa fare

Naso rotto bambini piccoli: cosa fare
Naso rotto bambini piccoli: cosa fare

Come normale che sia, capita spesso che i bambini nella loro mania di saltare, correre, muoversi, si facciano male. Cosa fare se si rompono il naso?

Nei bambini più piccoli la frequenza di caduta è elevata come anche le piccole fratture che possono procurarsi sul naso, clavicola, femore, tibia, polso o gomito. La fascia che interessa questi tipi di trauma sono tra i 3-4 anni.

Di questi tipi di traumi, per un bambino, è facile che capiti ovunque e nei momenti più impensabili come giovare in casa, in spiaggia o ai giardinetti poiché le loro ossa non sono ancora solidificate ma sono ancora elastiche e idratate.

Solitamente quando si fanno male i bambini, non ce lo comunicano se non tramite un bel pianto di dolore o per via della febbre improvvisa. Bisogna portare immediatamente il bimbo al pronto soccorso per accertarsi che non ci sia nulla di grave, grazie alle radiografie.

Durante il trasporto all’ospedale, è meglio tenere immobilizzato la parte fratturato del bambino, facendo un bendaggio non troppo stretto.

Una volta aver constatato la frattura dell’osso, si passa subito alla fase dell’ingessatura, cercando di ridurre il più possibile il trauma subito.

Vengono fatti su misura e questo comporta un bel paio di ore.

Per quanto riguarda al naso, si passa a fare una correzione manuale,cercando di ridurre la flessione dell’osso nasale. Con la crescita poi, la flessione dovrebbe modificarsi, riprendendo l’angolazione dovuta.

I tempi di guarigione variano da paziente a paziente. Dovrebbe prendere tra i 18 giorni ad un massimo di 2/3 mesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*