Natale 2015 a tavola: attenti alla sicurezza alimentare

Salute

Natale 2015 a tavola: attenti alla sicurezza alimentare

Sta per arrivare Natale: si trascorrerà molto tempo a tavola, e quindi bisogna prestare attenzione alla salute e alla sicurezza alimentare per evitare spiacevoli sorprese. Capita spesso, purtroppo, che gli alimenti scelti e consumati in occasione delle ricorrenze festive non siano freschi e quindi sicuri. Ecco alcune cose da tenere a mente per evitare problemi.

  • Il salmone OGM: forse nel nostro Paese non vi sono particolari problemi riguardo a tale alimento, ma negli Usa è stato approvato il salmone geneticamente modificato per il consumo alimentare. Questa scelta ha suscitato ovviamente parecchie critiche e polemiche;
  • I salmoni colorati: ci sono casi in cui il salmone viene colorato di rosa, in genere questo avviene per i salmoni cresciuti in allevamento. Per ottenere il caratteristico colore rosa e rendere più invitante l’alimento si utilizza il colorante SalmoFan, che viene aggiunto al mangime che si dà agli animali;
  • Gli ormoni nel tacchino e nel pollo: negli allevamenti industriali, si sa, la crescita degli animali viene accentuata.

    In particolare, per i polli e i tacchini, si segnala spesso l’utilizzo di ormoni estrogeni negli allevamenti intensivi;

  • La qualità della carne bianca: mi raccomando, prima di acquistare la carne guardate bene l’etichetta, scegliendo i prodotti che vengono ricavati da animali allevati più a lungo. Ad esempio i polli vengono spesso nutriti con mangimi contenenti antibiotici di cui, ahimè, resta traccia anche dopo la macellazione;
  • Il pericolo legato al pesce crudo: ormai spopola la moda di mangiare pesce crudo, secondo i dettami della cucina tradizionale giapponese. Eppure bisogna stare particolarmente attenti perché il pesce crudo può essere responsabile di numerose infezioni;
  • Nel pesce crudo c’è l’Anisakis simplex: nel pesce crudo può nascondersi un microrganismo le cui larve possono attaccare l’apparato gastrointestinale provocando disturbi lievi ma anche infiammazioni più serie al pancreas, al fegato e alla milza;
  • Nel salmone affumicato attenti al batterio Listeria: il batterio in questione è responsabile della listeriosi, una patologia che si manifesta con febbre molto alta che può degenerare in meningite e peritonite.

    Sempre nel salmone affumicato potrebbero annidarsi i batteri che provocano l’epatite virale e la salmonella.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...