Natale, trasforma la casa in una enorma luminaria COMMENTA  

Natale, trasforma la casa in una enorma luminaria COMMENTA  

17

In periodo natalizio le illuminazioni talvolta sono addirittura troppe. Non vi è casa, giardino, balcone che non sia riempito e adornato dalle luminarie di ogni tipo e talvolta interi palazzi, se tutti i residenti si adoperano per installare illuminazioni sui balconi, regalano spettacoli emozionanti.

Leggi anche: Onu: il 16 dicembre si voterà la risoluzione per colpire le finanze dell’Isis

Il tedesco Rolf Vogt che abita a Nienburg ha fatto qualcosa di veramente speciale e decisamente fuori da ogni schema: ha trasformato la sua casa in un’attrazione turistica addobbandola con 450.000 luci di ogni colora e forma.

Leggi anche: Obama: ‘Saremo alleati delle comunità musulmane contro il terrorismo’

Vogt e il figlio, durante un viaggio negli Stati Uniti hanno potuto ammirare una casa superdecorata e hanno deciso di…esagerare e fare qualcosa di simile anche con la loro abitazione, quindi tutti gli anni aggiungono una nuova decorazione luminosa, anche per dare qualcosa di nuovo ai centinaia di visitatori che ogni anno vengono ad ammirarla.

Leggi anche

Piero Pelù: le foto delle schede elettorali che ho postato erano autorizzate
News

Piero Pelù: le foto delle schede elettorali che ho postato erano autorizzate

Piero Pelù cerca di rettificare il suo post e la sua denuncia, o se non proprio di rettificare di rivedere il suo messaggio, probabilmente da molti male interpretato. Nelle ultime ore sono state moltissime  le segnalazioni e le denunce in tutta Italia per casi di matite cancellabili e altre presunte irregolarità. Il segno lasciato delle matite copiative non può essere cancellato perché, anche qualora la gomma riesca a rimuovere la grafite, i pigmenti colorati rimangono. Quindi, se riuscite a cancellarlo, è sicuramente perché utilizzate una matita qualunque e non una matta copiativa. Così dichiara Piero Pelù stasera alle 19: "Per maggior informazione: le tre fotografie Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*