Nato senza gambe e con un braccio solo: gara di solidarietà per adottarlo COMMENTA  

Nato senza gambe e con un braccio solo: gara di solidarietà per adottarlo COMMENTA  

Il piccolo Francesco (questo è il nome attribuito al neonato dai sanitari dell’Ospedale di Arezzo) è venuto al mondo senza gambe e con un solo braccio. I genitori, di origine straniera, hanno deciso di affidarlo alle cure dell’Ospedale di Arezzo perchè privi delle possibilità di crescere il piccolo in queste condizioni. La coppia, in viaggio dal Sud dell’ Italia verso il Settentrione per cercare lavoro, dopo un colloquio con uno psicologo, hanno deciso di firmare il disconoscimento nei confronti del figlio.


Appresa la notizia, molte famiglie si sono mobilitate a chiedere l’adozione di Francesco (soprattutto nuclei familiari con figli), ma la Usl 8 fa sapere che la competenza decidere in questi casi è del Tribunale dei Minorenni che ha già provveduto ad affidare il bambino ad una struttura competente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*