Nazioni Unite, sarà Antonio Guterres il nuovo Segretario Generale

Esteri

Nazioni Unite, sarà Antonio Guterres il nuovo Segretario Generale

nazioni-unite-antonio-guterres

Dopo una giornata di trattative estenuanti, la situazione si è sbloccata e le Nazioni Unite hanno il prossimo Segretario Generale: Antonio Guterres.

Nazioni Unite dall’incertezza alla sicurezza di avere individuato la guida per il prossimo futuro. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, dopo settimane di dubbi e ipotesi di vario tipo, ha scelto il nome del successore dell’ex ministro degli Esteri sudcoreano e attuale Segretario Ban Ki-moon. Si tratta del portoghese Antonio Guterres.

A confermare la nomina è stato in prima persona il diretto interessato: “è stato raggiunto un accordo” ha infatti dichiarato Guterres una volta che la notizia è trapelata, “i membri del Consiglio di sicurezza mi eleggeranno nuovo segretario generale dell’Onu. Sono onorato e felice”.

Dalla ‘donna dell’Europa orientale’ alla conferma di Ban Ki-moon alla scelta di Antonio Guterres

Nei giorni scorsi, nella situazione di generale incertezza e, per certi versi, di tensione dopo l’interruzione delle trattative fra Stati Uniti e Russia per la soluzione del conflitto in Siria, non sono mancate le ipotesi.

Si è passati dalla quasi certezza della nomina di una donna dell’Europa orientale, come auspicato dall’ambasciatore russo Vitaly Churkin, presidente di turno del Consiglio, con in prima fila i nomi di Irina Bolkova, la bulgara direttore generale dell’Unesco, e, soprattutto, di Cristallina Georgieva, anche lei proveniente dalla Bulgaria e attuale vice presidente della Commissione Ue, alla possibilità di prorogare il mandato dell’attuale Segretario Ban Ki-moon.

Ieri, invece, l’annuncio dato dallo stesso Vitaly Churkin: “abbiamo un favorito che è emerso chiaramente per il ruolo di prossimo segretario generale, si tratta di Antonio Guterres”. Guterres, classe 1949, ha ricoperto in passato ruoli di primissimo piano sia in politica (è stato infatti primo ministro in Portogallo per 7 anni), sia nell’ambito diplomatico (ha ricoperto per 10 anni la carica di Alto Commissario per i Rifugiati). Proprio l’esperienza in tema di gestione dei problemi inerenti richieste di asilo e profughi potrebbe essere stata la molla che ha spinto verso di lui come prossimo Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Ora manca solo la nomina formale, che dovrebbe arrivare in giornata da New York. Un voto che “speriamo sia per acclamazione”, come ha detto l’ambasciatore Churkin.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche