‘Ndrangheta: traffico droga, 19 arresti a Torino COMMENTA  

‘Ndrangheta: traffico droga, 19 arresti a Torino COMMENTA  

E’ stata sgominata una banda criminale che operava nell’hinterland torinese. I Carabinieri di Torino hanno proceduto all’arresto di diciannove persone dedite al traffico internazionale di stupefacenti tra l’Italia e la Spagna, con l’ulteriore accusa di associazione di tipo mafioso. L’’ndrangheta locale aveva costituito una base da cui gestiva il commercio di droga.

Leggi anche: Curtis McKinstry: la trans del finto sequestro di Lapo Elkann


L’indagine, culminata ieri con l’arresto di diciannove persone coinvolte più o meno direttamente nell’associazione criminale, è cominciata nel Novembre 2011, a Torino, ed ha portato a questi importanti risultati grazie alle informazioni rilasciate da Telluto, un collaboratore di giustizia.

Leggi anche: La Grecia si rivolge al gioco per sanare il bilancio

Oltre agli arresti, i Carabinieri hanno sequestrato alcuni immobili aventi un valore complessivo di 1.500.000 euro.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*