Negro (Udc) su Pssr 2012-2015, serve una svolta nella Sanità in Piemonte COMMENTA  

Negro (Udc) su Pssr 2012-2015, serve una svolta nella Sanità in Piemonte COMMENTA  

“Eravamo stati i primi, come Udc, a denunciare la contrarietà all’impostazione data al Piano Socio Sanitario Regionale nella precedente stesura. Ci siamo battuti affinché la IV Commissione regionale Sanità programmasse audizioni sul territorio perché ritevamo indispensabile che prima di decidere si ascoltassero le ragioni dei Sindaci, degli operatori, delle associazioni, dei sindacati e della popolazione. Ebbene, dopo questo giro di consultazioni nelle Province piemontesi il nuovo Assessore regionale Monferino si é presentato in Commissione con una bozza di Piano radicalmente rivista. Le nostre istanze e quelle dei territori avevano ricevuto risposta. Complessivamente la configurazione per la Provincia di Cuneo rimane quella attuale: una Azienda Sanitaria Ospedaliera Santa Croce-Carle, due ASL Cuneo1 e Cuneo2 con gli ospedali inseriti nel territorio. Questo rappresentava per noi un vero caposaldo rispetto alla precedente proposta di PSSR. Si sono istituite le Federazioni, una per Provincia, sul modello di quelle Toscane. Noi su questo argomento manteniamo una posizione prudente avendo avuto, durante il dibattito, garanzia che si limiteranno a funzioni puramente di ordine amministrativo e logistico. La struttura del 118 viene potenziata con mezzi che possono volare anche di notte. Pertanto, sulla linea politica che ci vede sì all’opposizione ma non pregiudiziali, abbiamo espresso voto di astensione. L’Assessore Monferino si é dimostrato interlocutore attento ed il fatto che la Giunta regionale abbia re-impostato il PSSR dopo le audizioni dei territori a mio avviso deve essere letto positivamente. In complesso il PSSR 2012-2015 non stravolge l’attuale modello che ha dato buoni risultati e gradimento ai cittadini e sono certo che con una sua applicazione oculata e graduale saprà continuare su questa linea. L’Udc continuerà a svolgere il suo compito con responsabilità vigilando attentamente e puntualmente affinché i cittadini possano beneficiare di buoni servizi sanitari ospedalieri e territoriali”.
Lo dichiara Giovanni Negro, Capogruppo regionale Udc in Regione Piemonte.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*