Nel mare ci sono i coccodrilli : Paolo Briguglia commuove COMMENTA  

Nel mare ci sono i coccodrilli : Paolo Briguglia commuove COMMENTA  

Dal best seller di Fabio Geda, uno dei libri più commoventi comparsi in Italia negli ultimi anni e già tradotto in 31 paesi, giovedì 15 e venerdì 16 dicembre, alle 21, al teatro Secci di Terni, toccante interpretazione di Paolo Briguglia in Nel mare ci sono i coccodrilli.


Affiancato da Roberto Salemi, con le musiche eseguite dal vivo da Fabio Zeppetella, Briguglia ci racconta con commozione la storia vera di Enaiatollah Akbari.

C’era (c’è sempre) una volta un bambino. Ma se nasci in Afghanistan, nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, può capitare che, anche se sei un bambino alto come una capra e uno dei migliori a giocare a Buzul-bazi, qualcuno reclami con prepotenza la tua vita. Tuo padre è morto lavorando per un ricco signore, il carico del camion che guidava è andato perduto e tu dovresti esserne il risarcimento.


Ecco perché quando bussano alla porta corri a nasconderti. Ma ora stai diventando troppo grande per la buca che tua madre ha scavato vicino alle patate. Così, un giorno, lei ti dice che dovete fare un viaggio. Ti accompagna in Pakistan, ti accarezza i capelli, ti fa promettere che diventerai un uomo perbene e poi ti lascia solo. Da questo tragico atto di amore hanno inizio la prematura vita adulta di Enaiatollah Akbari e l’incredibile viaggio che lo porterà in Italia passando per l’Iran, la Turchia e la Grecia. Un’odissea tragica che lo ha messo in contatto con la miseria e la nobiltà degli uomini, e che, nonostante tutto, non è riuscita a fargli perdere l’ironia né a cancellargli dal volto il suo formidabile sorriso e il grande amore per la vita che porta dentro al cuore.


Enaiatollah ha infine trovato un posto dove fermarsi e provare ad avere e vivere la sua età. E questa è la sua storia. Una riflessione attualissima sulle immigrazioni, dolorose e pericolose in tutti i tempi, compreso il presente.

L'articolo prosegue subito dopo

Ed una grande lezione sulla speranza e sull’umanità.

Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere telefonicamente, fino al giorno precedente lo spettacolo, presso il Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria, tutti i giorni feriali, dal lunedì al sabato, dalle 16 alle 19, al n°075/57542222. E’ possibile acquistare i biglietti on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*