Nelle librerie arriva Ossa, di Louise Welsh

Libri

Nelle librerie arriva Ossa, di Louise Welsh

Leone Editore pubblica “Ossa” nuovo libro di Louise Welsh.

Murray Watson trascina la sua esistenza tra la grigia docenza universitaria a Glasgow, la ricerca sul poeta Archie Lunan, scomparso in circostanze misteriose, e una relazione senza capo né coda con la collega, e moglie del suo direttore, Rachel.
Sarà proprio quest’ultima a scuoterlo, abbandonandolo.
Così Murray si getta a capofitto sul suo libro e comincia a intervistare quelli che furono gli amici più stretti di Lunan.
Il compito, però, risulterà più arduo del previsto.
Tutti sembrano avere qualcosa da nascondere, qualcosa che potrebbe avere ripercussioni anche sul presente.
L’intrigo si infittisce quando decide di lasciare Glasgow ed Edimburgo per trasferirsi a Lismore, dove Lunan è morto e dove ancora vive la sua compagna, Christie, che si rifiuta ostinatamente di riceverlo. In quell’isola spazzata dai venti oceanici e dalle piogge gelate, Murray comincerà a chiedersi se davvero Lunan è annegato tragicamente oppure è stato assassinato da qualcuno che gli era vicino.
E non sa che quella persona potrebbe già essere sulle sue tracce.
Una Scozia indimenticabile viene tratteggiata in questo romanzo superbamente orchestrato da Louise Welsh.

L’autrice

Docente presso l’università di Glasgow.

Ha vinto numerosi premi tra cui il Robert Louis Stevenson Award, il John Creasey Memorial Dagger,il Saltire First Book Award, il Glenfiddich/Scotland on Sunday, Spirit of Scotland Writing Award e il City of Glasgow Lord Provost’s Award for Literature.

I libri di Louise Welsh sono tradotti in venti lingue. La stanza oscura (2003) e L’illusionista (2007), i suoi due primi romanzi, sono editi in Italia presso Garzanti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.