Nemmeno le lacrime sono eque COMMENTA  

Nemmeno le lacrime sono eque COMMENTA  

La manovra procede mentre i suoi risvolti iniziano a pesare sulle tasche degli italiani. Si è già detto come questa manovra non sembri per niente equa, anzi, sotto certi punti di vista la si può tranquillamente definire “cattiva” perchè fatta solo di tasse che si andranno a sommare ad altre tasse. Con la finanziaria del Governo Monti entra tra l’altro a pieno titolo nello scenario italiano una nuova tassa : la tassa sul pensionato. Il Ministro Fornero nel presentare alla stampa la manovra mostrò le lacrime che a posteriori si possono definire “il pianto di Giuda”, perchè non era un pianto dovuto ai sacrifici ma bensì era il pianto di chi ha dovuto agire con le mani legate dai poteri forti, mani che sono state obbligate a toccare solo quelli che già erano poveri e che da ora in poi lo saranno ancora di più. Il pacchetto di misure di Monti costerà 635 euro a famiglia e nel quadriennio 2011-2014 6.402 euro. Sicuramente il decreto “Salva Italia”  aiuterà lo Stato a far quadrare i conti , ma inevitabilmente ucciderà l’economia interna.


Alessandro Riolo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*