Nichelino, rapisce il figlio minacciando moglie e suoceri

Cronaca

Nichelino, rapisce il figlio minacciando moglie e suoceri

Nichelino

L’uomo di Nichelino è stato arrestato dai Carabinieri di Moncalieri con l’accusa di maltrattamenti e lesioni personali.

E’ un dramma a lieto fine quello che si è vissuto a Nichelino, in provincia di Torino. Un uomo, che poi si è appreso essere il padre, ha rapito il piccolo figlio sottraendolo ai nonni e facendo perdere le proprie tracce. Sono stati attimi di terrore quelli vissuti in Via Parri, dove l’uomo ha fatto irruzione nell’appartamento, prelevando brutalmente il figlio di 2 anni e gettando nello sconforto la madre e i suoceri.

Alla base dell’insano gesto, ci sarebbero i dissidi tra moglie e marito legati a motivi di carattere passionale. L’uomo, residente a Nichelino, si sarebbe convinto del presunto tradimento della moglie e per questo motivo avrebbe adottato in casa un comportamento violento e aggressivo. La donna, spesso vittima della furia e delle percosse del marito, aveva abbandonato alcuni giorni prima il suo appartamento, portando con sé il bambino.

Rifugiata presso la casa dei genitori, non ha trovato riparo dalla furia del coniuge.

L’uomo ha fatto irruzione nell’appartamento e sequestrato il bambino, dopo avere minacciato con un’arma da taglio i suoceri e la moglie. L’uomo di Nichelino si sarebbe poi allontanato a bordo della sua Fiat Ulisse facendo perdere le tracce.

Fortunatamente, i carabinieri sono stati in grado di identificare la vettura e arrestare l’uomo, restituendo il bambino alla madre. I militari hanno rivenuto il mezzo del fuggitivo a San Germano Chisone intorno alle ore 4 del mattino riuscendo ad intercettare i movimenti dell’uomo tramite il suo cellulare.

L’uomo è stato posto in stato di arresto con l’accusa di lesioni personali, maltrattamento e minacce a mano armata. Troppo spesso, episodi come quello accaduta a Nichelino rappresentano l’epilogo di rapporti di coppia tormentati che spesso hanno una fine decisamente più tragica. Questa volta la giovane madre ha potuto tirare un sospiro di sollievo riabbracciando il proprio figlio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche