Nichi Vendola: No Tav COMMENTA  

Nichi Vendola: No Tav COMMENTA  

Il leader di SeL, Nichi Vendola, ha espresso la sua opinione sulla Tav della Val di Susa, ed ha dichiarato quanto segue: “L’incidente di questa mattina rappresenta una svolta drammatica nella vicenda No Tav. Il primo pensiero va a Luca ed è di solidarietà: tutti ci auguriamo che possa superare la fase critica che mette a repentaglio la sua vita. Il secondo pensiero è sulla Tav: su un’opera che è sempre più difficilmente rappresentabile come un’opera sensata, il cui costo faraonico stride terribilmente con la stagione di austerità che viene invocata da tutti.

Leggi anche: Legge di bilancio: le novità della manovra punto per punto

Un’opera che viene imposta ad un intero popolo e a una comunità che si sente espropriata del diritto a contare e decidere del proprio futuro. Un’opera che ha avuto dissensi importanti come quello del presidente della Regione Liguria che ha argomentato su possibili alternative. Un’opera che oggi porta non soltanto dubbi sul piano della sua economicità ma anche dal punto di vista umano.

Leggi anche: 2016 anno dei lutti: da David Bowie a Muhammad Ali

La Tav è un’opera che sta costando troppo anche dal punto di vista umano e penso che sarebbe questo il momento di chiedere ed ottenere una moratoria, una tregua per consentire a tutti una ulteriore fase di approfondimento”.

Leggi anche

Giovane muore di emorragia: l'ultimo saluto del suo amico fido Mollie
Esteri

Giovane muore di emorragia: l’ultimo saluto del suo amico fido Mollie

Un video che è diventato subito virale: Ryan Jessen, 33 anni ha un forte mal di testa ma in ospedale scopre di avere una emorragia cerebrale. Il video del suo cane, che lo sostiene e gli porge l'ultimo saluto   E' proprio vero che il cane è il migliore amico dell'uomo. E questa è una delle migliaia di dimostrazioni. Così, Ryan Jessen, un giovane di 33 anni, ha scoperto di essere sul finir della vita dopo essere stato in ospedale a causa di una terribile emicrania. Ma gli accertamenti alcuni accertamenti hanno rivelato che di emicrania non si trattava: Ryan Jessen aveva infatti Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*