Niente lavoro per Giada: “prima i dottori devono verificare se è ancora down” COMMENTA  

Niente lavoro per Giada: “prima i dottori devono verificare se è ancora down” COMMENTA  

Non vede l’ora di lavorare. L’inserimento appena iniziato, però, è subito slittato. Prima, la commissione medica dell’Usl di Treviso deve verificare se ha ancora la sindrome di Down.

È questa l’incredibile storia di ordinaria burocrazia italiana che ha come protagonista Giada Gennaro (nella foto), 20enne di Monigo con trisomia 21. 

A giugno si è diplomata all’alberghiero Alberini di Lancenigo con il massimo dei voti: 100 su 100.

Il suo sogno è quello di darsi da fare tra il banco e i forni di una pasticceria. Per questo ha subito iniziato il percorso di inserimento lavorativo.

Il 17 settembre avrebbe dovuto fare una visita alla Madonnina. 

Venti minuti prima dell’appuntamento, però, è saltato tutto. «Mi hanno detto che non si poteva più fare, perché non è stata effettuata la verifica al compimento dei 18 anni – racconta la mamma Lorena -.

L'articolo prosegue subito dopo

Io ho risposto che nelle verifiche fatte negli anni precedenti è sempre risultata la sindrome di Down. E che Giada, ovviamente, ce l’ha ancora quella sindrome: ce l’aveva cinque minuti fa e ce l’avrà anche domani».

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*