Niente sconti sul mercato UE ETS. Inquinare di meno o acquistare i permessi CO2 per volare

Ambiente

Niente sconti sul mercato UE ETS. Inquinare di meno o acquistare i permessi CO2 per volare

Includere le compagnie aeree nel mercato delle emissioni a partire da gennaio 2012 per i voli da e per l’Europa. Questa la decisione della Corte europea di giustizia a cui devono attenersi tutte le compagnie aeree, comprese quelle cinesi e statunitensi che si sono già “lamentate” della nuova direttiva.

Ma cosa comporta concretamente? In pratica le compagnie aeree dovranno acquistare dei permessi per poter emettere CO2, e quindi inquinare, durante le tratte che coinvolgono i Paesi europei. Esiste così un mercato del carbonio europeo UE ETS (Emission Trading Scheme) all’interno del quale avvengono scambi di permessi di emissioni di CO2. Il meccanismo incentiva a inquinare meno favorendo le aziende più virtuose che, producendo meno emissioni di CO2, hanno la possibilità di vendere i permessi non sfruttati a realtà più inquinanti.

Isaac Valero-Ladron, portavoce del commissario Ue al Clima, Connie Hedegaard commenta: ”Siamo fiduciosi che le aziende rispetteranno la legislazione.

Le sanzioni infatti comporterebbero una spesa ben più elevata di quella richiesta dal rispetto delle regole”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche