Nigeria, nuovo attentato a Yola, ancora trenta vittime COMMENTA  

Nigeria, nuovo attentato a Yola, ancora trenta vittime COMMENTA  

Dalla Nigeria è arrivata ieri in serata la notizia di una nuova strage, ancora una volta a Yola, nel nord est del paese.

Si tratterebbe, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Reuters e da fonti vicine alla Croce Rossa, di un’esplosione avvenuta verso le otto di sera presso il mercato principale della città di Yola, nella regione di Adamawa, all’estremità orientale della Nigeria. Secondo le prime ricostruzioni, l’esplosione udita sarebbe stata quella di una bomba. Le vittime sarebbero almeno 30 e non si conosce il numero di eventuali feriti, ma sembra assai probabile che il bilancio possa aggravarsi. Per ora non è arrivata alcuna rivendicazione, anche se le autorità locali sembrano sicure che dietro l’attentato ci siano i miliziani di Boko Haram.


L’episodio di ieri sera è avvenuto in una città, Yola, già teatro di precedenti azioni da parte di Boko Haram (a giugno un’altra bomba era esplosa proprio al mercato e, anche in quel caso, le vittime furono una trentina), i cui miliziani sono molto attivi nelle province nord orientali della Nigeria, rendendosi responsabili di un vero e proprio genocidio. Secondo Amnesty International, sarebbero ad oggi non meno di 17 mila le vittime della guerriglia di Boko Haram, e almeno un milione le persone costrette ad abbandonare le loro case per trasferirsi in zone più sicure. L’esercito regolare nigeriano, affiancato da quelli dei vicini Niger e Ciad, sta cercando di sconfiggere Boko Haram, ma la vittoria, al momento, sembra ancora molto lontana.


Il dichiarato obiettivo delle milizie di Boko Haram è la creazione di uno stato islamico nelle province in cui si effettua la gran parte delle azioni militari, ovvero nella zona nord est della Nigeria, dove è appunto situata Yola.

Proprio quest’anno (era marzo), Boko Haram ha dichiarato di essersi affiliato all’Isis, entrando di fatto a far parte della comunità islamica estremista e filo jihadista.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*