No al gelato dopo mezzanotte, la giunta fa marcia indietro COMMENTA  

No al gelato dopo mezzanotte, la giunta fa marcia indietro COMMENTA  

Commercianti sul piede di guerra a Milano, dopo il nuovo regolamento relativo agli orari di chiusura dei locali situati nelle zone della movida, Navigli, Ticinese, corso Como e Arco della Pace. Ciò che non è piaciuto ai commercianti è in particolare il fatto che l’ordinanza prevede anche il divieto di vendere gelato (ma anche bibite e panini) dopo la mezzanotte; gli esercizi della zona, dopo la querella sugli orari di chiusura limitati alle 2 ad eccezione dei Navigli dove sono stati prorograti fino alle 3, i commercianti non ci stanno, tanto più con l’ormai prossimo arrivo dell’estate.


“Negli incontri con il Comune – ha sottolineato il vicepresidente Epam Alfredo Zini – si era sempre parlato di uniformare all’1 l’orario di limitazione dell’asporto, per non penalizzare le gelaterie in difficoltà. La mezzanotte è una follia. Ora meditiamo il ricorso al Tar”. Il clamore mediatico della notizia è stato però smorzato poco dopo dallo stesso sindaco di Milano, Giuliano Pisapia che ieri ha rettificato: “I milanesi possono continuare a gustare liberamente il loro gelato anche dopo le 24. Non c’è nessun coprifuoco e mai e’ stato previsto. Già da domani verra’ chiarito ogni equivoco sull’ordinanza, sintesi di un percorso partecipato con i commercianti, i residenti e i consigli di zona coinvolti”. Solo un falso allarme, dunque.


http://www.activism.com/it_IT/petizione/milano-no-al-divieto-dei-gelati-dopo-mezzanotte-sui-navigli/44438

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*