No Tav: si combatte contro gli espropri COMMENTA  

No Tav: si combatte contro gli espropri COMMENTA  

Cominciano gli espropri, l’azione legalmente concepibile più odiosa che una democrazia possa portare avanti, soprattutto in questo modo folle, che tiene conto solo del prezzo di mercato e non dei disagi, della sofferenza, di tutti quei danni che definiamo genericamente “morali”.

La marcia di protesta è cominciata e continuata sotto la pioggia per combattere questo atto che si pone sul filo della costituzionalità.


Giaglione è stato il punto di ritrovo dei manifestanti.

Un’ordinanza prefettizia che vieta sino alle 24 di questa sera l’accesso alla Val Clarea, questo per consentire il normale svolgimento delle operazioni di esproprio con proprietari, tecnici e avvocati.


Vittorio Nigrelli

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*